Covid-19: quante difficoltà per le future e neo mamme!

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 09/12/2020 Aggiornato il 09/12/2020

Paura di recarsi in ospedale per le visite, difficoltà a ottenere l’epidurale, solitudine durante la degenza: il Covid-19 complica la vita delle mamme

Covid-19: quante difficoltà per le future e neo mamme!

Da quando è scoppiata la pandemia di Covid-19, tutti (o quasi) abbiamo un po’ paura di andare in ospedale. Alcuni sono addirittura terrorizzati ed evitano qualsiasi tipo di controllo per il timore del contagio. Purtroppo questo timore non risparmia nemmeno le future mamme, che però non dovrebbero mai rinunciare alle visite e agli esami previsti nei nove mesi, necessari per valutare l’andamento della gravidanza. Purtroppo, l’emergenza sanitaria sta avendo un forte impatto sulle donne incinte  e anche su quelle che hanno appena partorito.

Gli ospedali sono luoghi sicuri

È vero che l’ospedale è uno dei pochi luoghi in cui si ha la quasi certezza di incontrare persone positive al nuovo Coronvirus e in cui il Covid-19 è quasi sicuramente presente, ma non bisogna dimenticare che si tratta anche di uno degli ambienti più sicuri. Infatti, esistono percorsi Covid e non Covid, tutti sono obbligati a indossare le mascherine di protezione e prima di accedere alla struttura viene fatto un attento triage.
In aggiunta, le persone che hanno o potrebbero aver contratto il virus vengono ricoverate in aree e reparti appositi. Quindi, non bisogna temere di ammalarsi. Anche le future e le neomamme devono stare tranquille: in molti ospedali hanno già un percorso dedicato, separato da quello riservato agli altri pazienti.

Non bisogna rinunciare ai controlli

Occorre tenere presente che durante la gravidanza è necessario eseguire ecografie, analisi del sangue, tamponi, visite ginecologiche in epoche prestabilite. Non serve medicalizzare la gestazione, ma alcuni controlli sono imprescindibili. È importante non rinunciarvi, per monitorare la salute del feto e anche la propria.

Il parere dell’esperto

Anche in epoca Covid-19 è fondamentale rispettare le indicazioni di ginecologo e/o ostetrica sulle visite da fare. “Le future mamme stanno evitando di andare in ospedale, pensando che quello sia l’inferno. Si sottraggono perché pensano che ci sia più pericolo di contagio e saltano anche il controlli inderogabili, quelli dell’ultimo trimestre. Si teme di essere in pericolo nelle strutture sanitarie. Ma non è così” ha confermato Maria Vicario, presidente Federazione nazionale degli Ordini della professione di ostetrica (Fnopo).

Il peso della solitudine

Oltre che con la paura del contagio, le future e le neomamme in questa pandemia devono fare i conti anche con la solitudine. Nella stragrande maggioranza dei casi, infatti, non è permesso andare alle visite e alle ecografie con il compagno. In questi ultimi anni, la gravidanza era finalmente diventata un evento condiviso anche dal futuro papà. Ora, invece, le norme Covid-19 vietano la sua presenza in ospedale.

Anche le fasi che precedono e seguono il parto avvengono spesso in solitudine. Rispetto alla prima fase, ora molte strutture permettono ai papà di accompagnare la donna e di seguirla in alcune fasi del travaglio, del parto e del dopo parto, ma in genere l’uomo non è libero di stare con la compagna e il figlio come succedeva prima. Nei giorni successivi alla nascita, poi, la neomamma non può più ricevere visite, per cui non può contare sul conforto e l’appoggio di amici e parenti.

 

 

 
 
 

Da sapere

Un’altra conseguenza della pandemia da Covid-19 sulla gravidanza e il parto è la difficoltà di ottenere l’anestesia epidurale. “Fa parte delle cose che purtroppo, in condizione di sovraccarico degli ospedali, siamo costretti a rinunciare a effettuare. Anche l’informazione alle donne sull’epidurale, parte integrante del percorso previsto, non è facile da garantire con la riduzione delle attività ambulatoriali” ha spiegato Flavia Petrini, presidente degli anestesisti rianimatori Siaarti.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti