Covid in gravidanza: rischi per la mamma e pericoli per il bebè: l’analisi di 12 studi e tutto quello che c’è da sapere

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 03/03/2023 Aggiornato il 06/03/2023

Con il Covid in gravidanza il rischio di mortalità materna aumenta di 8 volte e per i neonati crescono le probabilità di essere ricoverati in terapia intensiva e di nascere pretermine

Donna con covid in gravidanza corre più rischi per la propria salute e per quella del suo bambino

Infettarsi con il Covid in gravidanza rappresenta un rischio per la salute sia della futura mamma che del bimbo. È quanto emerge da uno studio guidato da Emily Smith del Dipartimento di salute globale della George Washington University – Milken Institute School of Public Health e pubblicato sulla rivista BMJ Global Health, che attraverso la revisione di 12 studi condotti in 12 Paesi e il coinvolgimento di più di 13 mila donne incinte ha rilevato che le donne incinte che sono state infettate dal virus Sars-Cov-2 hanno un rischio di mortalità quasi 8 volte maggiore rispetto a quello che corre una futura mamma della stessa età senza Covid-19, e un rischio significativamente elevato di essere ricoverate in terapia intensiva o di soffrire di polmonite e di necessitare di ventilazione meccanica. Quanto ai nascituri, lo studio suggerisce che l’infezione da Covid avuta durante la gravidanza aumenti le probabilità per i neonati di essere ricoverati in terapia intensiva dopo la nascita.

Milioni di donne sono rimaste incinte e hanno partorito durante la pandemia da Covid-19. Moltissime di queste hanno contratto il Covid in gravidanza e sono tante quelle che si sono trovate a partorire mentre erano positive al virus Sars-Cov-2. Ma a quali rischi possono andare incontro mamma e nascituro a causa del Covid-19?

I rischi del Covid per la futura mamma

Dall’analisi dei 12 studi è emerso che le donne in gravidanza con infezione da Sars-CoV-2, rispetto alle donne in gravidanza non infette, presentano un rischio significativamente maggiore di mortalità materna (quasi 8 volte), di ricovero in unità di terapia intensiva, di  ricevere ventilazione meccanica e di sviluppare polmonite e malattia tromboembolica.

I pericoli del Covid per i neonati

Quanto ai neonati nati da donne che hanno avuto il Covid in gravidanza, i piccoli avevano maggiori probabilità di essere ricoverati in terapia intensiva dopo la nascita,  di nascere pretermine o moderatamente pretermine e di nascere sottopeso.

Perché è importante vaccinarsi contro il Covid-19?

L’autrice principale della ricerca spiega che è molto importante sensibilizzare la società e la comunità scientifica alle problematiche di salute anche gravi cui le donne incinte e i nascituri rischiano di andare incontro a causa del Covid contratto durante la gravidanza. Nonostante i gravi rischi per la salute per mamme e bimbi, però, ad oggi sono ancora molti i Paesi che continuano a non raccomandare la vaccinazione anti-Covid a tutte le donne in gravidanza: “Questo nostro studio – conclude Smith – dimostra che contrarre il Covid in gravidanza può essere rischioso sia per la madre che per il bambino. Dunque tutti i Paesi dovrebbero rendere l’accesso ai vaccini contro il Covid-19 una priorità per salvare vite umane e prevenire problemi di salute, e in particolare sottolineare l’importanza della vaccinazione contro il Covid-19 per tutte le donne in età fertile”.

 

 
 
 

In breve

Contrarre il covid in gravidanza fa aumentare il rischio di mortalità materna di quasi 8 volte. Per i neonati aumentano le probabilità di nascere prima del tempo e di essere ricoverati in terapia intensiva.

 

Fonti / Bibliografia

  • Adverse maternal, fetal, and newborn outcomes among pregnant women with SARS-CoV-2 infection: an individual participant data meta-analysis | BMJ Global HealthIntroduction Despite a growing body of research on the risks of SARS-CoV-2 infection during pregnancy, there is continued controversy given heterogeneity in the quality and design of published studies.Methods We screened ongoing studies in our sequential, prospective meta-analysis. We pooled individual participant data to estimate the absolute and relative risk (RR) of adverse outcomes among pregnant women with SARS-CoV-2 infection, compared with confirmed negative pregnancies. We evaluated the risk of bias using a modified Newcastle-Ottawa Scale.Results We screened 137 studies and included 12 studies in 12 countries involving 13 136 pregnant women.Pregnant women with SARS-CoV-2 infection—as compared with uninfected pregnant women—were at significantly increased risk of maternal mortality (10 studies; n=1490; RR 7.68, 95% CI 1.70 to 34.61); admission to intensive care unit (8 studies; n=6660; RR 3.81, 95% CI 2.03 to 7.17); receiving mechanical ventilation (7 studies; n=4887; RR 1...
  • COVID e gravidanza: come evitare l'infezione, effetti, cure - ISSaluteDagli studi eseguiti in Italia è emerso che le donne in gravidanza non sono più suscettibili al COVID-19, infezione causata dal virus SARS-CoV-2, rispetto alle donne in età riproduttiva non in gravidanza. La maggioranza dei disturbi (sintomi) osservati sono lievi o moderati. Approfondisci come evitare l'infezione, riconoscere i sintomi e curare la malattia
  • Centro trombosi e Malattie EmorragicheIl Centro Trombosi e Malattie Emorragiche di Humanitas è un servizio clinico specializzato nella prevenzione, diagnosi e cura delle malattie da trombosi venosa ed arteriosa e delle malattie emorragiche congenite ed acquisite
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti