Cuore in gravidanza: sempre sotto controllo

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 17/10/2018 Aggiornato il 17/10/2018

La gravidanza può essere rischiosa per le donne con una malattia cardiaca, perché sottopone il cuore a uno stress supplementare

Cuore in gravidanza: sempre sotto controllo

Il cuore in gravidanza è sottoposto a un surplus di lavoro e se presenta dei problemi può avvertire maggiormente la fatica. Questo può provocare un aumento della frequenza cardiaca, un rischio per le donne che hanno già un problema cardiaco, dall’aritmia  all’ipertensione, valvulopatie o problemi all’aorta. Per questo motivo, gli esperti raccomandano maggiore attenzione e controlli sulla salute cardiovascolare anche prima dell’inizio della gravidanza.

L’indagine su quasi 6.000 donne incinte

Durante l’ultimo Congresso europeo di cardiologia sono stati presentati i risultati di un’indagine condotta su 5.739 donne incinte selezionate da 138 centri sparsi in 53 paesi. Ad avere problemi in gravidanza erano soprattutto le donne che avevano già un’insufficienza cardiaca, facevano uso di farmaci anticoagulanti o il cui cuore faceva fatica a pompare il sangue.

Un fattore di rischio più alto

La gravidanza oggi è sicura per la maggior parte delle donne affette da una malattia cardiaca. Tuttavia, rispetto alle donne in buona salute, quelle con malattie cardiache, in particolare ipertensione arteriosa polmonare, hanno un rischio 100 volte maggiore di morte o insufficienza cardiaca e un rischio più elevato di complicanze ostetriche, tra cui parto prematuro, pre-eclampsia e sanguinamento post-partum. Tutto questo si riflette anche sulla salute del nascituro, con un tasso di complicanze per il neonato che va dal 18 al 30 per cento.

Non superare le 40 settimane di gestazione

Tra le principali raccomandazioni dell’European society of cardiology (Esc) per la salute del cuore in gravidanza, c’è quella di non prolungare la gestazione oltre le 40 settimane. Oltre questo tempo, infatti, non vi è alcun beneficio aggiuntivo per il bambino e si possono invece avere effetti negativi, quindi è consigliabile indurre il parto o praticare un taglio cesareo.

 

 

 
 
 

Da sapere!

La percentuale di donne considerate ad alto rischio dall’Organizzaziobe mondiale della sanità che hanno affrontato una gravidanza è salita dall’1% del 2007 al 10% del 2018. Questo è dovuto ai miglioramenti della chirurgia cardiaca, che permettono a più donne con cardiopatie congenite di raggiungere l’età riproduttiva.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti