Alimentazione in gravidanza: troppi errori!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/02/2014 Aggiornato il 06/11/2019

Un recente studio rivela che, durante la gravidanza, molte donne commettono ancora tanti errori in fatto di alimentazione

Alimentazione in gravidanza: troppi errori!

Tutte le future mamme sono consapevoli dell’importanza della dieta in gravidanza. Non solo per permettere un corretto accrescimento del feto, fornire la giusta energia alla donna ed evitare un aumento eccessivo di peso. Ma anche per diminuire il rischio di eventuali malformazioni a carico del nascituro.

Eppure, ancora oggi, commettono tanti sbagli a tavola. Lo dimostra uno studio condotto da un gruppo di ricercatori italiani, del Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, pubblicato su una rivista dell’Istituto superiore di sanità (Iss).

La migliore è la dieta mediterranea

L’alimentazione in gravidanza ha un ruolo importantissimo nei confronti della salute di mamma e bebè. In particolare, può influire sul rischio di difetti congeniti del feto, che tanto spaventano i genitori.

Numerosi studi hanno dimostrato che il modello mediterraneo protegge il nascituro da malformazioni serie, come la spina bifida e il cosiddetto “labbro leporino”.

In sostanza, questo tipo di alimentazione in gravidanza prevede un consumo abbondante di frutta, verdura, pesce azzurro, legumi e olio extra vergine di oliva.

Quantità insufficienti di ferro e acido folico

Secondo la ricerca italiana, spesso l’alimentazione in gravidanza è troppo povera di cibi contenenti ferro e acido folico, due sostanze fondamentali. La carenza di ferro, infatti, può avere serie conseguenze, come stanchezza della mamma, parto pretermine, sottopeso del piccolo alla nascita, deficit neurologici e comportamentali in età scolare.

Al contrario, un’integrazione oculata è praticamente priva di rischi. I folati, invece, assicurano il corretto proseguimento della gestazione, prevenendo problemi seri, come il ritardo della crescita del feto, il distacco precoce di placenta e il parto prematuro.

In secondo luogo, diminuiscono il rischio di alcune malformazioni fetali, in particolare quelle al tubo neurale, come la spina bifida. In media, le future mamme assumono solo la metà della dose giornaliera di ferro raccomandata dagli esperti e l’80% di quella di folati. Di contro, introducono quantità eccessive di cibi di origine animale, grassi saturi e zuccheri solubili.

In breve

QUANDO SERVONO GLI INTEGRATORI

Se fare attenzione ai nutrienti introdotti con la dieta è sempre importante, diventa essenziale in gravidanza. Infatti, l’organismo della futura mamma deve fronteggiare una serie di cambiamenti importanti e garantire il corretto accrescimento del feto. In alcuni casi, se l’alimentazione non basta, il ginecologo può prescrivere degli integratori.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti