Alzheimer: più rischi con poca vitamina A in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/03/2017 Aggiornato il 11/11/2019

La carenza di vitamina A nel feto potrebbe incidere sulla possibilità di sviluppare in seguito il morbo di Alzheimer. Ecco perché

Alzheimer: più rischi con poca vitamina A in gravidanza

Le reazioni biochimiche che causano il morbo di Alzheimer possono iniziare già durante la gravidanza nel grembo materno o subito dopo la nascita. È quanto sostiene una ricerca di un team di scienziati dell’University of British Columbia, in base ai risultati ottenuti in uno studio condotto su topi geneticamente ingegnerizzati, pubblicato su Acta Neuropathologica.

La molla, secondo gli esperti, sarebbe la carenza di vitamina A: se il feto o il neonato non ne ricevono abbastanza potrebbero subire le conseguenze della “programmazione” dei tessuti cerebrali, che predispongono allo sviluppo più in là degli anni dell’Alzheimer, la malattia “ladra di memoria”.

Cruciale la prima fase dello sviluppo

Precedenti studi avevano già collegato bassi livelli di vitamina A con disturbi cognitivi. I primi stadi di sviluppo del feto sono cruciali, poiché sono quelli in cui il tessuto cerebrale viene “programmato” per il resto della vita: è risultato che la carenza, anche moderata, di vitamina A aumenta la produzione di beta-amiloide, la proteina che forma le placche che soffocano e uccidono i neuroni, fenomeno che caratterizza appunto il morbo di Alzheimer.

Il danno comincia nel grembo materno

L’équipe ha scoperto che i topi privati di vitamina A ottengono risultati peggiori nei test di apprendimento e memoria. Ma quelli privi di vitamina A nel grembo materno, anche se poi seguono una dieta normale, hanno performance peggiori di quelli che ricevono una quantità ordinaria di nutrienti durante la vita fetale e che dopo la nascita vengono privati dell’apporto di vitamina A.

In breve

DOVE SI TROVA LA VITAMINA A

Fortunatamente la carenza di vitamina A è in genere una condizione rara (soprattutto nei Paesi industrializzati). Una dieta equilibrata è il modo migliore per garantire adeguati livelli di questa sostanza nutritiva (contenuta nel fegato degli animali in misura elevata, ma anche nelle carote crude, nel tuorlo dell’uovo, nei pomodori, nella zucca, nel radicchio e in alcuni formaggi).

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti