Aspetti un bimbo? Prendi i probiotici!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/12/2015 Aggiornato il 08/11/2019

Prevenire le allergie è possibile fin dal pancione. Un aiuto può venire dai probiotici assunti dalla mamma durante i nove mesi. Basta questo per far calare il rischio di sviluppare allergie

Aspetti un bimbo? Prendi i probiotici!

I probiotici assunti in gravidanza potrebbero aiutare a prevenire allergie e infezioni nei primi anni di vita. È quanto emerge dall’ultimo congresso nazionale di antibioticoterapia promosso da WAidid, Associazione mondiale per le malattie infettive e i disordini immunologici.

Microrganismi vitali

I probiotici sono microrganismi vivi presenti in molti alimenti, come yogurt o latte fermentato, che rappresentano dei validi alleati per la dieta delle donne in gravidanza e del bambino nei primi anni di vita, se somministrati in quantità adeguate.

Migliorano la flora intestinale

Alcuni studi hanno evidenziato che fino all’85% della flora microbica nel neonato, riscontrata già dalla nascita, riflette l’esatta composizione della flora materna.

Contro le allergie

È stata quindi ipotizzata l’idea che i probiotici assunti in gravidanza potrebbero aiutare a prevenire allergie e infezioni nei primi anni di vita. L’uso è raccomandato come strumento di prevenzione delle patologie allergiche come riniti, asma e allergie alimentari.

Ma non solo

I probiotici sembrano essere efficaci anche nel prevenire malattie infettive come le infezioni causate da Streptococcus agalactiae. Quest’ultimo, detto anche Streptococco del gruppo B, nel neonato può produrre quadri clinici di estrema gravità: polmonite, sepsi e meningite.

Studi recenti hanno evidenziato che, in Italia, un terzo dei neonati di donne portatrici del microorganismo è colonizzato al momento del parto e durante i primi 7 giorni di vita. Circa il 3% può sviluppare un’infezione che può essere grave o fatale.

Per la prevenzione viene effettuata la profilassi antibiotica con penicillina, dall’inizio del travaglio al momento del parto, riducendo il rischio di infezione precoce dal 4,7% allo 0,4%.

Efficace l’Enterococcus L3

Ora arriva la notizia che i probiotici assunti in gravidanza potrebbero aiutare a prevenire allergie e infezioni nei primi anni di vita: in particolare la somministrazione, durante la gravidanza, di Enterococcus faecium L3 potrebbe essere in grado di ridurre la positività materna allo Streptococcus agalactiae e, nei neonati prematuri, la frequenza di complicazioni infettive, come la diarrea da Clostridium difficile e manifestazioni dispeptiche.

Già nelle linee guida

L’efficacia scientifica dei benefici per la salute di questi microrganismi è contenuta nelle nuove linee guida internazionali per la prevenzione delle allergie elaborate dalla Wao, l’Organizzazione mondiale dell’allergia. 

In breve

ALLERGIE SEMPRE PIÙ DIFFUSE

Le allergie, alimentari e respiratorie, colpiscono circa il 30% dei bambini in tutto il mondo. In Italia ne soffrono 25 bambini su 100 e il fenomeno è in crescita.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti