Aumento di peso in gravidanza: non più di 16 kg

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 16/07/2021 Aggiornato il 16/07/2021

Un aumento di peso in gravidanza è inevitabile e necessario. Non bisogna, però, esagerare, altrimenti si corrono diversi rischi

Aumento di peso in gravidanza: non più di 16 kg

Un aumento di peso in gravidanza è fondamentale ma… Il mito secondo cui una donna incinta debba mangiare per due è stato definitivamente sfatato, come raccomanda lo stesso ministero della Salute. È importante che la futura mamma segua un’alimentazione sana e completa, per assicurare sia al suo organismo sia al bebè tutte le sostanze di cui hanno bisogno, ma senza mai eccedere. Un aumento di peso in gravidanza eccessivo, infatti, è nocivo sia per lei sia per il suo piccolo. Per questo, è importante seguire tutta una serie di indicazioni e consigli.

Un po’, ma non troppo

Qual è l’aumento di peso in gravidanza che può ritenersi corretto e sano? “In media, una donna in condizioni di salute normali dovrebbe aumentare il proprio peso di 11-16 kg. Tuttavia, se è sottopeso, può anche raggiungere i 18 kg” risponde la dottoressa Gemma Fabozzi, biologa esperta in embriologia clinica, nutrizione e fertilità e responsabile del centro B-Woman di Roma. Molto, dunque, dipende dal peso di partenza.

Occorre considerare che la gravidanza rappresenta un’epoca molto particolare e delicata nella vita di una donna. Durante i nove mesi, le esigenze fisiologiche e i fabbisogni nutritivi della futura mamma cambiano molto: è necessario, infatti, che l’organismo materno si prepari al parto e all’allattamento e, al tempo stesso, fornisca al feto tutte le sostanze di cui ha bisogno per crescere e svilupparsi. Nel corso della gestazione, dunque, l’alimentazione assume un’importanza maggiore del solito.

L’eccesso è nocivo

L’aumento di peso in gravidanza è inevitabile e anche fondamentale. Ma deve essere contenuto. Se eccessivo, infatti, può ostacolare la gravidanza e causare numerose problematiche al bebè, come ipertensione arteriosa, diabete (da controllare con l’esame della curva glicemica), peso eccessivo. Non solo: un figlio nato da una donna che in gravidanza è aumentata troppo è più a rischio di sviluppare sovrappeso e obesità in adolescenza ed età adulta.

Le regole da seguire

Come regolarsi dunque? Secondo le raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità è bene consumare quattro-cinque pasti al giorno, bere almeno due litri di acqua ed evitare del tutto l’alcol.  “Secondo il mio parere si può arrivare anche a sei pasti, tre principali e tre spuntini, comprendendone anche uno dopo cena per avere così le energie necessarie per la notte. Inoltre, una delle regole fondamentali è variare il più possibile la propria dieta, includendo frutta e verdura in abbondanza, carboidrati complessi (cereali, pasta, patate), proteine (pesce, carne, uova, legumi, ma anche derivati del latte)” dice Gemma Fabozzi. L’ideale è seguire i dettami della dieta mediterranea, che prevede un consumo abbondante di cibi di origine vegetale. Ovviamente bisogna fare attenzione agli alimenti più calorici, come dolci e grassi.

VUOI SAPERE QUAL È IL PESO DEL FETO? CLICCA QUI

 
 
 

Da sapere

Per contenere l’aumento di peso in gravidanza è fondamentale seguire le indicazioni degli esperti e del proprio ginecologo. Per non correre rischi, è indispensabile anche fare attenzione ai cibi crudi, a maggior ragione se non si è immune alla toxoplasmosi.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti