Aumento di peso in gravidanza: non più di 16 kg

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 16/07/2021 Aggiornato il 16/07/2021

Un aumento di peso in gravidanza è inevitabile e necessario. Non bisogna, però, esagerare, altrimenti si corrono diversi rischi

Aumento di peso in gravidanza: non più di 16 kg

Un aumento di peso in gravidanza è fondamentale ma… Il mito secondo cui una donna incinta debba mangiare per due è stato definitivamente sfatato, come raccomanda lo stesso ministero della Salute. È importante che la futura mamma segua un’alimentazione sana e completa, per assicurare sia al suo organismo sia al bebè tutte le sostanze di cui hanno bisogno, ma senza mai eccedere. Un aumento di peso in gravidanza eccessivo, infatti, è nocivo sia per lei sia per il suo piccolo. Per questo, è importante seguire tutta una serie di indicazioni e consigli.

Un po’, ma non troppo

Qual è l’aumento di peso in gravidanza che può ritenersi corretto e sano? “In media, una donna in condizioni di salute normali dovrebbe aumentare il proprio peso di 11-16 kg. Tuttavia, se è sottopeso, può anche raggiungere i 18 kg” risponde la dottoressa Gemma Fabozzi, biologa esperta in embriologia clinica, nutrizione e fertilità e responsabile del centro B-Woman di Roma. Molto, dunque, dipende dal peso di partenza.

Occorre considerare che la gravidanza rappresenta un’epoca molto particolare e delicata nella vita di una donna. Durante i nove mesi, le esigenze fisiologiche e i fabbisogni nutritivi della futura mamma cambiano molto: è necessario, infatti, che l’organismo materno si prepari al parto e all’allattamento e, al tempo stesso, fornisca al feto tutte le sostanze di cui ha bisogno per crescere e svilupparsi. Nel corso della gestazione, dunque, l’alimentazione assume un’importanza maggiore del solito.

L’eccesso è nocivo

L’aumento di peso in gravidanza è inevitabile e anche fondamentale. Ma deve essere contenuto. Se eccessivo, infatti, può ostacolare la gravidanza e causare numerose problematiche al bebè, come ipertensione arteriosa, diabete (da controllare con l’esame della curva glicemica), peso eccessivo. Non solo: un figlio nato da una donna che in gravidanza è aumentata troppo è più a rischio di sviluppare sovrappeso e obesità in adolescenza ed età adulta.

Le regole da seguire

Come regolarsi dunque? Secondo le raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità è bene consumare quattro-cinque pasti al giorno, bere almeno due litri di acqua ed evitare del tutto l’alcol.  “Secondo il mio parere si può arrivare anche a sei pasti, tre principali e tre spuntini, comprendendone anche uno dopo cena per avere così le energie necessarie per la notte. Inoltre, una delle regole fondamentali è variare il più possibile la propria dieta, includendo frutta e verdura in abbondanza, carboidrati complessi (cereali, pasta, patate), proteine (pesce, carne, uova, legumi, ma anche derivati del latte)” dice Gemma Fabozzi. L’ideale è seguire i dettami della dieta mediterranea, che prevede un consumo abbondante di cibi di origine vegetale. Ovviamente bisogna fare attenzione agli alimenti più calorici, come dolci e grassi.

VUOI SAPERE QUAL È IL PESO DEL FETO? CLICCA QUI

 
 
 

Da sapere

Per contenere l’aumento di peso in gravidanza è fondamentale seguire le indicazioni degli esperti e del proprio ginecologo. Per non correre rischi, è indispensabile anche fare attenzione ai cibi crudi, a maggior ragione se non si è immune alla toxoplasmosi.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni cutanee dopo una puntura di insetto

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

A volte a scatenare reazioni sulla pelle può essere anche l'applicazione dell'antistaminico in crema.  »

Gravidanza e scomparsa improvvisa dei sintomi

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è automatico che la scomparsa dei sintomi tipici della gravidanza sia brutto segno.   »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti