Carenza di ferro, a rischio una gravidanza su 3

Silvia Camarda
A cura di Silvia Camarda
Pubblicato il 07/01/2019 Aggiornato il 09/01/2019

Si tratta di un'evenienza comune, anche in chi non ne soffre normalmente. Ma non va sottovalutata perché un deficit di ferro in gravidanza mette a rischio la salute del bebè. Ecco perché

Carenza di ferro, a rischio una gravidanza su 3

Il ferro è un minerale presente in diversi alimenti, in particolare ne sono ricchi: carne, uova, pesce (soprattutto tonno, sardine, merluzzo), cereali, legumi, verdure a foglia verde. Per gli adulti, il National institutes of health (Nih) raccomanda un apporto giornaliero di 8 milligrammi per gli uomini e di 18 per le donne, che salgono a 27 durante la gravidanza per consentire la crescita fetale e placentare. Una carenza di ferro, infatti, produce insufficienti livelli di emoglobina, proteina che trasporta l’ossigeno dai polmoni ai tessuti del corpo, provocando stanchezza, mancanza di respiro, palpitazioni.

Più problema nei nove mesi

Una donna incinta su tre può andare incontro a complicazioni della gravidanza a causa della carenza di ferro. Aborto spontaneo o nascita pretermine possono, infatti, essere causati da  una carenza di ferro, che a sua volta può derivare da problemi alla tiroide: è questa la conclusione di un studio pubblicato sulla rivista European Journal of Endocrinology.

Il legame tra ferro e tiroide

Per giungere a questa conclusione, i ricercatori del Saint-Pierre University Hospital a Bruxelles hanno monitorato 1.900 donne durante il primo trimestre di gravidanza, misurando i livelli della ferritina e degli anticorpi antitiroidei. Dai dati raccolti è emerso che il 35% aveva carenza di ferro. Nel 10% dei casi tale carenza era da ricondurre all’autoimmunità tiroidea, mentre il 20% delle donne soffriva di ipotiroidismo lieve. Il ferro aiuta, infatti, anche il funzionamento della perossidasi tiroidea (Tpo), enzima cruciale per la produzione dell’ormone tiroideo, che favorisce lo sviluppo del cervello del feto, in particolare nel primo trimestre di gravidanza, quando egli deve ancora sviluppare la propria tiroide.

Importante una dieta equilibrata

In condizioni normali, una dieta varia ed equilibrata è più che sufficiente per essere certi di assumere il giusto quantitativo di ferro giornaliero. L’assorbimento del ferro, poi, aumenta se viene accompagnato da alimenti ricchi di vitamina C. In casi particolari il ginecologo può prescrivere specifici integratori.

 

 

In breve

I CONTROLLI CONSIGLIATI

Per evitare problemi, specie nel primo trimestre della gravidanza, è bene controllare ormoni tiroidei ed emocromo, esame che misura i globuli rossi presenti nel sangue e che consente quindi di diagnosticare un’eventuale anemia.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti