Cosa mangiare e cosa non mangiare in gravidanza nel primo, secondo e terzo trimestre?

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 28/09/2022 Aggiornato il 28/09/2022

Andiamo a vedere cosa è meglio evitare di mangiare in gravidanza nel corso del primo, secondo e terzo trimestre e tutti i consigli utili

alimentazione in gravidanza: cosa mangiare e cosa no

L’alimentazione corretta e sana è importante sempre, ma in modo particolare in alcune fasi della vita, come la gravidanza. Quando si aspetta un bambino, infatti, è importante curare la propria dieta, stando attente a non ingrassare troppo e a procurarsi le sostanze nutritive benefiche per il feto. È però altrettanto importante cosa non mangiare in gravidanza. Alcuni cibi possono, infatti, procurare infezioni o intossicazioni innocue o quasi per una persona adulta, che possono però essere pericolose per il feto. Ecco allora che cosa è bene evitare durante la gestazione.

Cosa non mangiare in gravidanza? I rischi

L’alimentazione è importante durante tutta la gestazione perché fornisce all’organismo della madre e del feto le sostanze indispensabili per la salute. Attraverso i latticini, per esempio, ci si procura il calcio per formare le ossa del bambino e per mantenere forti quelle della donna. Carne, pesce, uova, legumi sono fonte di proteine e di amminoacidi per la costituzione dei tessuti. Frutta e ortaggi apportano minerali, vitamine, fibre per la salute e la funzionalità dell’organismo.

Ci sono poi alcune sostanze inutili o addirittura dannose. Gli alcolici per esempio, partendo anche dalla semplice birra, vanno evitati assolutamente. Anche gli zuccheri semplici non sono indicati se non in piccole quantità perché favoriscono il sovrappeso e lo sviluppo del diabete gravidico. Alcuni alimenti innocui, anzi benefici, possono però nascondere alcune insidie e fanno quindi parte di che cosa non mangiare in gravidanza.

Che cosa non mangiare in gravidanza nel primo, secondo e terzo trimestre?

È bene prestare attenzione quindi a che cosa mangiare e a che cosa non mangiare in gravidanza. Il discorso vale soprattutto nel primo trimestre, quando l’embrione si sta sviluppando per diventare feto. Gli organi sono in formazione e quindi sono più sensibili agli effetti di sostanze nocive o di germi dannosi. Nei primi mesi è quindi bene evitare:

  • carni crude o poco cotte, salumi che possono causare toxoplasmosi
  • latte non pastorizzato, possibile veicolo di listeriosi e salmonellosi
  • uova crude o poco cotte, che possono portare salmonellosi
  • frutta non sbucciata o ortaggi crudi non ben lavati, possibile fonte di toxoplasmosi
  • pesce crudo, che può portare parassitosi
  • gelato artigianale che può contenere latte e uova non pastorizzate

 

Come comportarsi nel secondo e nel terzo trimestre di gravidanza?

Questi consigli andrebbero seguiti anche nel secondo e nel terzo trimestre, anche se in questo periodo il feto è già formato e sono inferiori i rischi di malformazione. I problemi, però, sono altri. Un’intossicazione alimentare, dovuta per esempio al pesce crudo, può causare problemi all’organismo materno con febbre, disidratazione e trasmettersi anche al feto. In questo caso, il bambino può presentare alla nascita infezioni serie che il suo organismo si trova a dover combattere nei primi giorni di vita. Per aumentare la sicurezza, come raccomandato dal Ministero della Salute, è essenziale lavarsi le mani:

 

  • sempre prima di mangiare
  • dopo aver accarezzato l’animale domestico, aver usato il bagno ed essere rientrati a casa
  • dopo aver manipolato ingredienti crudi come uova, carne, pollo e altri volatili, pesce.

 

Cosa non mangiare per evitare la Toxoplasmosi in gravidanza?

La Toxoplasmosi è un’infezione provocata da un batterio, il Toxoplasma gondii, che si trova nelle carni crude (anche degli insaccati di tutti i tipi) e nei vegetali lavati con acqua contaminata. Al di fuori della gravidanza, la Toxoplasmosi si limita a causare sintomi simili  quelli di un’influenza, con dolore muscolare, stanchezza, gonfiore dei linfonodi. Se però viene contratta in gestazione, soprattutto nei primi mesi, può portare importanti problemi alla vista, all’udito e allo sviluppo neurologico del feto. È quindi importantissimo non contrarre l’infezione in gravidanza: questo è possibile evitando appunto carni crude o poco cotte, frutta e ortaggi non accuratamente lavate. È anche importante pulire la lettiera del gatto di casa usando i guanti e poi lavando con cura le mani. Durante la gravidanza, comunque, dalle analisi del sangue è possibile capire se la donna non è ancora immune dalla Toxoplasmosi oppure se l’ha già contratta in passato. In questo secondo caso, non corre rischi. Se invece non possiede gli anticorpi, le analisi del sangue vengono effettuate ogni mese per individuare una eventuale infezione e intraprendere la cura corretta.

Cosa mangiare per non ingrassare?

Un altro aspetto importante durante i nove mesi è che cosa non mangiare in gravidanza per evitare i chili di troppo. Una donna sovrappeso rischia maggiormente ipertensione in gravidanza e diabete, senza contare che i chili in più sono difficili da smaltire. Un bambino voluminoso può avere difficoltà durante un parto naturale e talvolta il sovrappeso si mantiene durante l’infanzia. È quindi importante che la donna controlli il peso, per evitare di aumentare troppo. Se inizia la gravidanza già in condizioni di sovrappeso, non dovrebbe aumentare più di 6-7 chili. Una donna molto magra può ingrassare anche di 16-18 chili, ma in ogni caso è sempre bene fare riferimento al proprio ginecologo. Va ricordato che i dolci, i piatti elaborati, le porzioni abbondanti predispongono ai chili di troppo. Ci vuole un menu che comprenda carne e pesce cucinati in modo leggero, cereali integrali, frutta e ortaggi cotti o ben lavati.

Vomito in gravidanza, come combatterlo con gli alimenti?

Con il cibo giusto è anche possibile controllare la nausea, un sintomo fastidioso che compare soprattutto nel primo trimestre. Andrebbero eliminati i cibi grassi, di difficile digestione e ovviamente tutto quello che risulta sgradevole (e può trattarsi di un piatto normalmente apprezzato). Va privilegiato quello che stuzzica l’appetito, ovviamente in porzioni ragionevoli. In generale sembra che la nausea gravidica tragga sollievo dai cibi secchi e salati, come cracker, grissini, gallette.

 

 

 
 
 

In sintesi

L’acqua può essere un problema in gravidanza?

L’acqua è la sostanza più naturale che ci sia ed è bene che la donna in gravidanza ne assuma regolarmente almeno un litro e mezzo al giorno, per stimolare l’attività renale e assicurare preziosi liquidi al bambino. Deve però essere acqua di provenienza sicura, in bottiglia o proveniente da acquedotto, senza rischi di contaminazioni batteriche pericolose.

Si può bere caffè in gravidanza?

Se fa piacere, è possibile bere una tazzina di caffè al giorno, meglio in versione decaffeinata. Alcuni studi recenti suggeriscono di evitare del tutto la caffeina, una sostanza eccitante che può infastidire il feto. Spesso, però, la gestante prova repulsione verso questa bevanda, anche se prima la apprezzava.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e vaccino contro difterite-tetano-pertosse: il richiamo va fatto ogni volta?

06/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il richiamo del vaccino trivalente DTP è raccomandato a ogni nuova gravidanza per garantire al nascituro un "bagaglio immunitario" in grado di proteggerlo da difterite, tetano, pertosse fino a quando non verrà sottoposto lui stesso alla vaccinazione.  »

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti