Cuore sano nei bimbi? Fondamentale l’alimentazione in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/12/2016 Aggiornato il 11/11/2019

I bimbi nati da donne che mangiano poco e male in gravidanza hanno più probabilità di non avere un cuore sano. Ecco le regole per alimentarsi bene nei 9 mesi

Cuore sano nei bimbi? Fondamentale l’alimentazione in gravidanza

Una buona dieta in gravidanza è cruciale anche per il cuore sano dei bimbi. Secondo quanto emerge da uno studio condotto dall’University of Texas Health Science Center e dall’Università del Wyoming (Stati Uniti), le future mamme che mangiano poco e non assumono elementi nutritivi essenziali hanno maggiore possibilità di avere dei bimbi con un cuore che invecchia prima. Ciò equivale a una peggiore qualità di vita, una minore capacità di fare esercizio e soprattutto una maggiore suscettibilità a malattie come diabete e ipertensione arteriosa.

Lo studio sui babbuini

Per dimostrare che una buona alimentazione in gravidanza è cruciale per il cuore sano dei bimbi, i ricercatori americani hanno studiato il cuore dei babbuini, simile a quello umano, utilizzando una risonanza magnetica.

Focalizzando l’attenzione su quelli le cui madri avevano mangiato il 30% in meno rispetto al normale, hanno rilevato che questi ultimi mostravano segni di ridotta funzione cardiaca che solitamente si osservano in età adulta avanzata. A partire da 5 anni di vita, pari a 20 nell’uomo, la struttura e la funzione del cuore erano già compromesse.

Conferme dal ministero della Salute

Questo studio conferma che una buona alimentazione in gravidanza è cruciale anche per la salute del cuore dei bimbi. Anche secondo il ministero della Salute italiano, è bene seguire una dieta varia, completa e sana durante l’intero periodo di gravidanza, e anche prima del suo inizio, per assicurare al feto tutti i nutrienti di cui ha bisogno per il suo sano sviluppo.

Un basso livello di folati, per esempio, è un fattore di rischio per lo sviluppo di difetti del tubo neurale nel feto. L’integrazione conacido folico, pertanto, dovrebbe iniziare almeno un mese prima e continuare tre mesi dopo il concepimento.

Mai senza questi cibi

Anche gli acidi grassi essenziali sono molto importanti per la crescita e lo sviluppo del sistema nervoso centrale del neonato (la fonte principale è il pesce, soprattutto quello “azzurro”). In generale gli alimenti che non devono mancare sono: cibi a base di proteine (pesce, carne, legumi, uova), latte e derivati (formaggi, yogurt), alimenti ricchi di fibre (pane, pasta e cereali integrali, frutta, verdura).

Da sapere!

Le donne che seguono una dieta vegetariana devono prestare attenzione all’assunzione di proteine: si consiglia, inoltre, un supplemento di vitamina B12.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti