Diabete gestazionale: un aiuto dai pistacchi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/12/2017 Aggiornato il 12/11/2019

42 grammi di pistacchi a colazione possono aiutare a tenere sotto controllo il diabete gestazionale. Ecco perché

Diabete gestazionale: un aiuto dai pistacchi

Consumare pistacchi a colazione durante la gravidanza può aiutare le future mamme a tenere sotto controllo i livelli degli zuccheri nel sangue e quindi a prevenire il diabete gestazionale. Un primo pasto della giornata di certo originale, ma senza dubbio salutare: è quanto sostenuto da uno studio cinese presentato a Chicago (Stati Uniti) nel corso della Academy of Nutrition and Dietetics’ 2017 Food & Nutrition Conference & Expo.

Come oscilla il glucosio

La ricerca, condotta su 30 future mamme, è la prima a valutare la risposta del glucosio dopo l’introduzione di pistacchi nella dieta di alcune donne in gravidanza con alterata tolleranza al glucosio gravidica o diabete gestazionale.

I risultati dello studio suggeriscono che consumare a colazione 42 grammi di pistacchi (circa 1/3 di una tazza) può aiutare le future mamme che soffrono di queste condizioni a controllare i livelli di zucchero nel sangue.

Un disturbo della gravidanza

Il diabete gestazionale è un tipo di diabete che si sviluppa durante l’attesa in chi non ha precedentemente sofferto di diabete, ma come altri tipi influisce sul modo in cui il corpo utilizza lo zucchero nel sangue.

L’alterata tolleranza al glucosio in gravidanza si verifica quando il corpo durante la gestazione non è in grado di regolare normalmente i livelli di glucosio nel sangue a causa dei cambiamenti ormonali. Sebbene entrambe queste condizioni si risolvano spontaneamente dopo il parto, le donne che ne hanno sofferto corrono un rischio maggiore di sviluppare il diabete di tipo 2 in futuro.

Zuccheri sotto controllo

“Il nostro studio è il primo a dimostrare che il consumo di pistacchi può aiutare le donne con diabete gestazionale a controllare i livelli di zucchero nel sangue “, spiega Sheng Ge, ricercatrice principale, primario e direttrice della Clinical Nutrition al Sixth People’s Hospital, Shanghai Jiao Tong University, Cina, dove è stato condotto lo studio. “I risultati evidenziano che i pistacchi possono rappresentare una scelta intelligente per le donne con diabete gestazionale perché contribuiscono a gestire la malattia”.

Da sapere!

L’aumento dello zucchero nel sangue durante la gravidanza non solo influenza la salute della futura mamma, ma può anche aumentare il rischio del neonato di sviluppare il diabete.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC



Concorso riparti con catrice 2020

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Stereotipie o conseguenze del lockdown?

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' verosimile che i forti cambiamenti imposti dall'isolamento a cui ha costretto la pandemia abbiano influito sul comportamento dei bambini, tuttavia ci sono manifestazioni anomale che potrebbero essere spia di altro.   »

Coronavirus: indebolito o no? E le scuole riapriranno?

12/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Il Sars-CoV-2 è andato senza dubbio incontro a modificazioni che l'hanno reso meno aggressivo. Così è verosimile che a settembre bambini e adolescenti potranno (finalmente) tornare a scuola.  »

Fai la tua domanda agli specialisti