Dieta gravidanza: attenzione a grassi e zuccheri!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/06/2017 Aggiornato il 11/11/2019

Una dieta in gravidanza ricca di grassi e zuccheri può esporre l’organismo di mamma e bimbo a futuri problemi di salute. Meglio non esagerare

Dieta gravidanza: attenzione a grassi e zuccheri!

La dieta in gravidanza è fondamentale. Un numero elevato di ricerche mostra che tutto ciò a cui è esposto il feto durante i nove mesi dell’attesa influisce molto sulla sua salute futura e l’alimentazione è uno dei fattori più importanti. Uno studio dell’Università di Cambridge pubblicato sul Journal of Physiology ha spiegato i meccanismi cellulari alla base di questo legame.

Tutto l’organismo ne risente

La dottoressa Amanda Sferruzzi-Perri ha alimentato un gruppo di cavie gravide con cibi ricchi di grassi e zuccheri. Durante la gravidanza e dopo ha analizzato lo stato di salute loro e dei piccoli. Le cavie hanno mostrato importanti squilibri metabolici, causati da anomalie nella ricezione di glucosio e insulina da parte di muscoli e tessuto adiposo.

Il fegato, in particolare, è diventato più sensibile all’insulina e ha iniziato a produrre meno glucosio. Il processo ha reso l’organismo incapace di controllare i livelli di glucosio, rendendone più difficile la produzione in caso di bisogno. Queste alterazioni si associano inoltre a una modifica nell’espressione di proteine che controllano l’accumulo di grasso, facilitando l’aumento di peso della madre.

Più rischi di diabete gestazionale

I dati raccolti dalla Sferruzzi-Perri evidenziano come un’alimentazione ricca di grassi e zuccheri favorisca la comparsa del diabete gestazionale, una complicanza che colpisce circa il 5 per cento delle donne in attesa e ha pesanti ripercussioni sulla salute di mamma e bimbo. Sono inoltre rilevabili alterazioni in proteine correlate al trasporto di nutrienti al feto, così come in altre connesse alla sua crescita e corretto metabolismo.

La “memoria” metabolica del corpo

Alcune modifiche metaboliche sono normali per una donna incinta. In una gestazione normale, il corpo materno si modifica per mettere a disposizione del feto alcuni nutrienti: il metabolismo della mamma tende verso l’insulino-resistenza e la scarsa tolleranza al glucosio perché così limita il proprio utilizzo di questo zucchero lasciandolo a disposizione del feto.

Se però la dieta comporta un eccesso di grassi e zuccheri, questi meccanismi vengono portati all’estremo e lasciano una traccia nel metabolismo della madre. Una sorta di “memoria” legata al metabolismo rende infatti più probabile l’insorgere di diabete, obesità e malattie cardiovascolari.

Danni anche al feto

Lo squilibrio metabolico della madre altera anche il flusso di nutrienti verso il feto: parte degli zuccheri e dei grassi in eccesso sono tamponati dalla placenta, ma ciò non basta. L’esperienza vissuta nel grembo materno porterà i figli di donne che si nutrono in maniera sbagliata a essere più suscettibili da adulti a malattie quali diabete, ipertensione e obesità.

Da sapere

MAGGIORI RISCHI DI IPERATTIVITÀ

Secondo un altro studio inglese, del King’s College di Londra, un’alimentazione in gravidanza troppo ricca di grassi e zuccheri potrebbe essere responsabile di bambini con problemi come l’iperattività e i disturbi del comportamento.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti