Gambe gonfie in gravidanza: sollievo da frutta e ortaggi blu-viola

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/06/2014 Aggiornato il 07/11/2019

Le gambe gonfie in gravidanza colpiscono molte future mamme, soprattutto nell’ultimo trimestre di gestazione. Ecco perché e come porre rimedio a tavola

Gambe gonfie in gravidanza: sollievo da frutta e ortaggi blu-viola

Le gambe gonfie in gravidanza sono un disturbo frequente, che rientra in quelli legati alla circolazione sanguigna, come:

  • pesantezza agli arti inferiori;
  • crampi notturni;
  • formicolii;
  • fragilità capillare;
  • ritenzione idrica;
  • vene varicose.

Dipende dal volume dell’utero

L’aumento progressivo di volume e di dimensione dell’utero determina un incremento di peso che grava sulle gambe, ostacolandone la circolazione venosa. Il pancione, infatti, comprimendo la vena cava inferiore, cioè la principale vena che va dalle gambe verso l’alto, rallenta la risalita del sangue dalla periferia al cuore.

Questo significa che il sangue rimane più tempo nelle vene delle gambe (stasi venosa), provocando un ristagno di liquidi nei tessuti che favorisce in questo modo anche la comparsa di gambe gonfie in gravidanza, capillari dilatati e cellulite.

E dai cambiamenti ormonali

L’aumento degli ormoni tipici della gravidanza, in particolare estrogeni e progesterone, nel circolo sanguigno modifica anche la permeabilità dei vasi sanguigni, perché questi diventano più “rilassati”, perdendo tono ed elasticità, e facilitano la fuoriuscita di liquidi dalle pareti dei capillari, prima causa delle gambe gonfie in gravidanza.

In più, gli ormoni rendono i vasi anche più dilatati, cosicché la risalita del sangue risulta ulteriormente rallentata e possono comparire capillari evidenti sulla pelle, segno esterno di una dilatazione dei capillari sottocutanei.

Una spinta alla circolazione a tavola

Una dieta varia, ricca soprattutto di frutta e verdura, ha un ruolo importantissimo nella prevenzione dei problemi di circolazione.

Può, infatti, aiutare a esercitare un’azione capillare–protettrice, aiutando a mantenere elastici i piccoli vasi sanguigni e a prevenire il ristagno dei liquidi nei tessuti, alleviando il senso di pesantezza alle gambe e anche contrastando la comparsa dei capillari e della cellulite.

Fondamentali i pigmenti blu-viola

Dietro ai pigmenti variopinti di frutta e verdura ci sono sostanze naturali come i “bioflavonoidi” che, pur non avendo una funzione nutritiva, svolgono numerosi effetti benefici per la salute.

Agiscono spesso in associazione alla vitamina C e sono utili per la prevenzione di numerose malattie, dai reumatismi all’influenza, nonché nella prevenzione e cura della fragilità capillare e vascolare.

Le antocianine per la circolazione

In particolare le antocianine, bioflavonoidi responsabili del colore blu–viola di molti frutti e ortaggi, aiutano la circolazione, in quanto rafforzano la resistenza capillare e regolano la loro permeabilità. Il loro effetto protettivo è potenziato dalla vitamina C.

È scientificamente provato, infatti, che la loro presenza continua nella dieta determina un miglioramento nella circolazione sanguigna, favorendo la prevenzione delle malattie cardiocircolatorie.

Come farne il pieno

Oltre che essere presenti in grandi quantità nel mirtillo, le antocianine sono contenute anche in tutti gli altri frutti e ortaggi dal colore blu–viola-rossastri come frutti di bosco (more, lamponi), uva, prugne, ciliegie, cavolo rosso e melanzane.

Qualche consiglio in più

  • Stop al sale per evitare l’accumulo di liquidi e il ristagno sanguigno che porta a far gonfiare i piedi;
  • evitare i cibi in scatola, perché con la conservazione è sempre presente molto sale;
  • ridurre anche il consumo di prodotti da forno e soprattutto pizze, insaccati e formaggi stagionati in quanto alimenti molo salati;
  • bere molta acqua, aiutandosi anche con tisane, centrifugati di frutta fresca, senza zuccheri aggiunti;
  • abolire i cibi fritti e gli zuccheri raffinati contenuti in molti alimenti confezionati.

In breve

SÌ AI CENTRIFUGATI

Per poter sfruttare al meglio le proprietà salutari delle antocianine (ma anche di tutti gli altri pigmenti colorati) è raccomandabile l’uso di alimenti freschi, crudi, maturi, soprattutto sotto forma di succhi centrifugati: la trasformazione in succo, infatti, rompe le membrane cellulari facilitando l’assimilazione delle sostanze.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbi sul risultato dell’isterosalpingografia

28/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Quello che conta più di tutto è che l'isterosalpingografia appuri la pervietà delle tube.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti