Glifosato: in gravidanza provoca danni per tre generazioni

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 11/06/2019 Aggiornato il 13/11/2019

L’esposizione all’erbicida glifosato in gravidanza aumenta il rischio di patologie come l’obesità. Danni fino a tre generazioni

Glifosato: in gravidanza provoca danni per tre generazioni

L’esposizione al glifosato, l’erbicida finito spesso sotto accusa per i possibili effetti sulla salute, nei ratti in gravidanza provoca danni che si estendono per tre generazioni. Lo afferma uno studio della Washington State University (USA) pubblicato sulla rivista autorevole Scientifics Reports.

Attenzione ai figli futuri

I ricercatori hanno esposto dei ratti in gravidanza a una dose pari a metà del minimo considerato innocuo e la prima generazione nata non ha mostrato segni di problemi di salute.

La seconda però, scrivono i ricercatori, ha visto un drammatico aumento di alcune patologie dei testicoli, delle ovaie delle ghiandole mammarie, oltre che dell’obesità.

Nei maschi di terza generazione, inoltre, i ricercatori hanno visto un aumento del 30% delle patologie prostatiche, mentre il 40% delle femmine di terza generazione ha mostrato un aumento delle malattie renali.

Tossicologia generazionale

Più di un terzo delle femmine in gravidanza di seconda generazione ha avuto aborti spontanei e il 40% dei ratti di terza generazione era obeso. Il fenomeno è chiamato tossicologia generazionale, spiegano gli autori, ed è stato già visto in sostanze come fungicidi, pesticidi, componenti delle materie plastiche come il bisfenolo A, un repellente per insetti e l’erbicida atrazina. La causa sono dei cambiamenti epigenetici che spengono e accendono determinati geni.

Fa morire le cellule

Ci sono numerosi dati sperimentali condotti su cellule placentari ed embrionali umane che dimostrano che assumere il glifosato induca necrosi e favorisca la morte cellulare programmata, quindi si tratta di una sostanza genotossica (che danneggia l’informazione genetica all’interno di una cellula), inoltre l’erbicida agisce come interferente endocrino.

Si trova nei cibi

Il glifosato non è presente solo in frutta e verdura, ma in molti cibi: pasta, farine e farinacei, soprattutto in quella delle grandi aziende che comprano la maggior parte del grano da Paesi nordamericani come il Canada, in cui le leggi sono più permissive.

Si trova in carne, latte e derivati: oltre l’85% dei mangimi utilizzati in allevamenti, infatti, sono costituiti da mais, colza, soia per i quali l’erbicida viene usato, accumulandosi nella carne degli animali e nei prodotti derivati di cui poi ci nutriamo.

Non è l’uso occasionale che dà problemi, sottolineano gli esperti, ma quello continuativo e accumulato con altre sostanze tossiche.

Una curiosità

IN USA SI SDRAMMATIZZA

L’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti ha di recente stabilito che non ci sono rischi per la salute se il glifosato viene utilizzato secondo le regole.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti