Gravidanza e cibo: le future mamme non conoscono la toxoplasmosi

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 29/03/2019 Aggiornato il 13/11/2019

Molte donne in dolce attesa non conoscono toxoplasmosi e listeriosi e non hanno le idee chiare su quali cibi possano essere pericolosi durante la gravidanza

Gravidanza e cibo: le future mamme non conoscono la toxoplasmosi

L’attenzione al rischio di contrarre malattie di origine alimentare in gravidanza è sempre alta. Eppure quattro future mamme su dieci ignorano cosa sia la toxoplasmosi e due su dieci non hanno idea di cosa sia la listeriosi.

Il dato arriva da uno studio sulle conoscenze e i dubbi relativi a gravidanza e cibo, condotta nell’ambito del progetto Alimenti&Gravidanza, realizzato dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie in collaborazione con l’Unità di Dietetica e Nutrizione clinica dell’Università di Padova.

Informazioni generiche e inesatte

Lo studio, realizzata su un campione di circa mille donne di cui la metà incinta, ha messo in evidenza che in caso di dubbi su gravidanza e dieta la figura maggiormente interpellata è il ginecologo, mentre Internet è il canale più utilizzato per cercare autonomamente informazioni.

Le precauzioni suggerite dal web, però, spesso provengono da fonti non certificate e possono essere inesatte o, anche se corrette, risultano spesso generiche, con il rischio di indurre le future mamme a escludere alimenti che possono essere consumati senza problemi o, al contrario, includere cibi che sarebbe meglio evitare.

I microrganismi pericolosi

Una buona percentuale delle donne intervistate nell’indagine non conosca la toxoplasmosi e la listeriosi. Eppure, come spiega Lisa Barco – responsabile del Laboratorio controlli ufficiali dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie – tra i microrganismi più pericolosi per le conseguenze sul feto ci sono proprio “il Toxoplasma gondii, che dà origine alla cosiddetta toxoplasmosi, e la Listeria monocytogenes, da cui origina la listeriosi.

La prima può essere causa di aborto, malformazioni o gravi lesioni cerebrali del feto, mentre la seconda può comportare parto prematuro, aborto e trasmissione dell’infezione al neonato”.

Attenzione anche a questi

Altri batteri a trasmissione alimentare – come quelli appartenenti ai generi Salmonella, Campylobacter ed Escherichia – pur non avendo conseguenze dirette sul feto andrebbero il più possibile evitati in gravidanza, poiché “la situazione immunitaria delle donne gravide le rende particolarmente suscettibili a queste infezioni – spiega l’esperta –  per cui possono sviluppare una sintomatologia importante, anche venendo a contatto con dosi non eccessivamente elevate di questi agenti patogeni”.

 
 
 

In breve

DA EVITARE NEI NOVE MESI

Ecco gli alimenti da scartare per evitare infezioni:

  • verdure crude mal lavate;
  • carni crude o poco cotte;
  • salumi freschi non stagionati, soprattutto se prodotti a livello artigianale;
  • pesce crudo, poco cotto o affumicato;
  • frutti di mare crudi o poco cotti;
  • uova crude o poco cotte;
  • salse, creme o piatti con uova crude o poco cotte;
  • latte crudo o non pastorizzato;
  • formaggi poco stagionati a pasta molle prodotti con latte crudo (come brie e camembert).

Fonti / Bibliografia

  • Alimenti & Gravidanza | IZSVeAlimenti & Gravidanza«Alimenti & Gravidanza» (www.alimentigravidanza.it) è un sito web che presenta i principali patogeni presenti nel cibo che mettono a rischio la futura mamma e il suo bambino, e che raccoglie tutte le indicazioni da seguire per evitarli.L'alimentazione in gravidanza Mangiare alimenti sicuri è importante per la salute di tutti, ma lo è ancora di più per alcune categorie di persone maggiormente sensibili. Una di queste categorie è rappresentata dalle donne in gravidanza. Infatti dopo il concepimento nel corpo della donna iniziano dei cambiamenti che la possono rendere più vulnerabile, esponendola maggiormente alla possibilità di contrarre malattie a trasmissione alimentare.In questi casi non è a rischio soltanto la salute della madre, ma anche quella del bambino: alcune di queste malattie possono comportare severe conseguenze anche per il feto compromettendone il normale sviluppo.I rischi microbiologici I rischi più probabili l...
  • Alimenti & Gravidanza. I rischi alimentari per la mamma e il bambinoInformazioni su batteri, virus e parassiti negli alimenti e i danni per la salute che possono causare. Fai attenzione a come mangi, per e per il tuo bambino.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti