Gravidanza: via libera al pesce

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/08/2014 Aggiornato il 07/11/2019

Secondo gli esperti, tutte le donne incinte dovrebbero mangiare il pesce: i benefici, infatti, superano di gran lunga i rischi. Basta osservare alcune precauzioni

Gravidanza: via libera al pesce

La dieta costituisce uno dei fattori più importanti durante la gravidanza. Infatti, ciò che la donna incinta mangia non serve solo a nutrire se stessa, ma anche a permettere il corretto sviluppo del feto. Ecco perché non dovrebbe mai rinunciare al pesce: si tratta di un cibo essenziale al bimbo e lo hanno ribadito anche gli esperti della Food and Drug Administration (Fda) e dell’Environmental Protection Agency (Epa).

Un alimento davvero prezioso

Il pesce è uno degli alimenti più ricchi di acidi grassi essenziali, in particolare gli omega 3. Si tratta di sostanze in grado di favorire lo sviluppo del cervello del bebè. Inoltre, proteggono l’apparato cardiovascolare e donano energia. Non solo, nel pesce sono presenti anche proteine nobili, vitamine, inclusa la D e sali minerali. Tutti nutrienti fondamentali per la donna incinta e il bebè.

Il problema della contaminazione da mercurio

Occorre considerare, però, che negli ultimi anni è sorto il problema delle contaminazioni da mercurio. Molti dei pesci presenti sul mercato contengono tracce di questa sostanza tossica per l’organismo. Come regolarsi, dunque, durante la gravidanza?

“Gli ultimi dati scientifici indicano che nella donna incinta mangiare ogni settimana da 200 a 350 grammi circa di diversi tipi di pesce poveri di mercurio fa bene allo sviluppo e alla crescita del feto” spiegano i medici della Fda.

No a spada e sgombro

Le specie più pericolose da questo punto di vista, e quindi da evitare in gravidanza, sono quelle appartenenti alla famiglia Malacanthidae e provenienti dal Golfo del Messico: lo squalo, il pesce spada e lo sgombro reale. Inoltre, secondo la Fda e l’Epa è meglio non mangiare più di 170 grammi a settimana di tonno pinna gialla e fare attenzione al pesce pescato da amici e parenti: infatti, potrebbe provenire da acque molto inquinate.

In breve

VARIARE IL PIU’ POSSIBILE

Per minimizzare i rischi senza riunciare ai benefici del pesce, le donne incinte dovrebbero alternare il più possibile le varietà, per esempio gamberetti, merluzzo, salmone, tilapia, pesce gatto e tonno “light” in scatola, che rispetto al pinna gialla fresco contiene minori quantità di mercurio.

Fonti / Bibliografia

  • Advice about Eating Fish | FDAFDA and EPA have issued advice regarding eating fish. This advice is geared toward helping women who are pregnant or may become pregnant - as well as breastfeeding mothers and parents of young children - make informed choices when it comes to fish that is healthy and safe to eat.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Dolicocefalia in bimbo di tre mesi: quali conseguenze?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Questo tipo di malformazione cranica comporta un problema quasi esclusivamente di natura estetica.   »

Fai la tua domanda agli specialisti