Il gusto del bebè? Dipende dalla mamma

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/07/2017 Aggiornato il 11/11/2019

È bene che la futura mamma segua una dieta varia, poiché nel passaggio materno-fetale si ha la creazione e anche la sensibilizzazione del gusto del bebè

Il gusto del bebè? Dipende dalla mamma

La futura mamma segue una dieta varia ed equilibrata che comprende un po’ di tutto, dalle verdure, alle spezie, passando per pasta, carne, pesce e frutta? Il piccolo che è nella pancia non potrà che deliziarsene, affinando il palato ai gusti che assapora la mamma. E già, perché il gusto del bebè si forma nel pancione attraverso quello che mangiano le mamme durante la gravidanza.

Importante un’alimentazione corretta

Conferma Marcello Giovannini, professore emerito di pediatria dell’Università di Milano “È molto importante quello che mangia la mamma. Nel passaggio materno-fetale si ha la creazione e anche la sensibilizzazione del gusto del bebè, che nasce da quello che mangia la mamma durante la gravidanza”.

Fondamentale lo svezzamento

Se una corretta alimentazione è importante durante la gravidanza sia per la mamma sia per il bambino, ancora di più lo diventa dopo il parto. Come afferma Alberto Villani, presidente della Società italiana di pediatria (Sip), se nei primi sei mesi di vita il latte materno è il nutrimento ideale per i piccoli, con lo svezzamento e l’introduzione di altri cibi “è importante che la dieta del bambino sia consigliata da uno specialista in pediatria, mentre troppo spesso si ha la tendenza ad affidarsi ad altri: sembra che la nutrizione sia un patrimonio condiviso da chiunque…invece è bene attenersi ai consigli del pediatra. Certamente nei primi mesi di vita è molto importante l’allattamento al seno, ma per il prosieguo è bene affidarsi a chi è specialista del campo e può dare i giusti consigli”. Soprattutto nei primi mille giorni di vita del bambino (circa tre anni).

Latte: materno o formulato?

Tutti i bambini hanno il diritto di venire allattati il più a lungo possibile dalla loro mamma. “Quando però la mamma per vari problemi non può allattare – conclude Giovannini – è  importante che ci sia nell’alimentazione del bambino la presenza di alcune sostanze, come i Dha, che fanno parte degli omega 3. Quando il latte materno manca o non è disponibile, quindi, l’unica alternativa riconosciuta sono i latti formulati”, che vengono appositamente “potenziati” proprio per soddisfare le esigenze nutrizionali dei più piccoli, in base alla loro età.

Lo sapevi che?

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) raccomanda l’allattamento al seno in maniera esclusiva fino al compimento del 6° mese di vita, e spiega che è importante che il latte materno rimanga la scelta prioritaria anche dopo l’introduzione di alimenti complementari, fino ai due anni di vita e oltre, e comunque finché mamma e bambino lo desiderino. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti