Iperattività, bebè a rischio se la mamma mangia male

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/10/2016 Aggiornato il 08/11/2019

Troppi grassi e zuccheri comportano cambiamenti nell'attività di un gene coinvolto nello sviluppo di alcune aree del cervello implicate nello sviluppo dell’iperattività

Iperattività, bebè a rischio se la mamma mangia male

In gravidanza una dieta materna troppo ricca di grassi e zuccheri potrebbe mettere a rischio la salute del nascituro, fino ad aumentare il pericolo di insorgenza di iperattività e disturbi del comportamento.

Non solo obesità

Se il famoso filosofo tedesco Ludwig Feuerbach affermava “siamo quello che mangiamo”, uno studio condotto dai ricercatori del King’s College di Londra (Gran Bretagna) e pubblicato sulle pagine del Journal of Child Psychology and Psychiatry è andato oltre, sostenendo che quello che mangia una donna in gravidanza influisce non solo sulla salute della donna stessa, ma anche su quella del nascituro.

E in maniera non trascurabile: se, infatti, è già stato messo in evidenza da molte altre ricerche come la dieta seguita durante la gravidanza abbia ricadute di non poco conto su patologie metaboliche come obesità e predisposizione al diabete che potrebbero interessare in futuro il bambino, lo studio inglese ha ora messo in evidenza che ciò che mangia la futura mamma durante la gestazione potrebbe addirittura giocare un ruolo nell’insorgenza nel bebè di condizioni come iperattività e disturbi del comportamento. In particolare sul banco degli imputati ci sarebbe un’alimentazione materna eccessivamente ricca di grassi e zuccheri.

Troppi grassi e zuccheri

I ricercatori sono giunti a questa conclusione dopo avere monitorato lo stile di vita materno e analizzato geneticamente 83 bambini con problemi comportamentali precoci: hanno così potuto determinare che durante la gravidanza un’alimentazione materna troppo ricca di grassi e zuccheri comporta dei cambiamenti nell’attività del gene Igf2, coinvolto nello sviluppo del feto e di alcune aree del cervello come il cerebellum e l’ippocampo, implicate nella sindrome di iperattività.

I fattori nutrizionali possono essere corretti

Come spiega Edward Barker, una delle firme dello studio, “i risultati della nostra ricerca suggeriscono che promuovere una dieta prenatale salutare può abbassare il livello dei sintomi di iperattività e dei problemi di condotta nei bambini. Sono dati incoraggianti, dal momento che i fattori nutrizionali possono essere corretti”.

Lo sapevi che?

Secondo un gruppo di ricercatori israeliani dell’Università di Tel Aviv un nuovo test che monitora i movimenti involontari degli occhi dei bambini è in grado di effettuare una diagnosi di deficit di attenzione e iperattività e di distinguerla dalla normale irrequietezza tipica dell’età infantile.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti