L’alcol in gravidanza è un rischio per lo sviluppo del feto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/05/2019 Aggiornato il 13/11/2019

Non basta limitarlo ma, durante i nove mesi, sarebbe meglio non assumerlo proprio: l'alcol in gravidanza è tossico per il feto e per il suo regolare sviluppo. Ecco perché

L’alcol in gravidanza è un rischio per lo sviluppo del feto

L’alcol è una sostanza tossica in grado di oltrepassare la placenta e raggiungere il feto alle stesse concentrazioni con cui è stato assunto dalla madre, mettendone in pericolo lo sviluppo. Per questo fa male anche in piccolissime dosi, perché può rappresentare un serio rischio per la salute del nascituro. Lo sostiene l’Istituto Superiore di Sanità (Iss) che specifica che anche bevendone poco ma spesso, l’alcol può avere effetti negativo sullo sviluppo e la crescita del bambino nel pancione.

La sindrome feto-alcolica

Lo dimostra uno studio sulla sindrome feto-alcolica diretto da Simona Pichini dell’Istituto Superiore di Sanità, condotto su 168 coppie mamma-neonato: è emerso che quantità modeste di alcol consumate durante tutta la gravidanza sono rilevabili sia nel capello materno sia nelle prime feci neonatali, il meconio. Il che significa che il bimbo nel pancione lo ha assorbito.

I rischi per il nascituro

Ma a quale rischio va incontro il feto per colpa dell’alcol? Il rischio è quello dei Fetal Alcohol Spectrum Disorder (FASD), vale a dire una serie di possibili danni causati dall’esposizione prenatale all’alcol:

  • malformazioni alla nascita;
  • disturbi dell’apprendimento;
  • disturbi del comportamento;
  • disturbi mentali.

Se si evita l’alcol in gravidanza, i Fasd sono prevenibili al 100%. L’Istituto Superiore di Sanità ha quindi ricordato alle future mamme che nei nove mesi non esistono quantità di alcol che possano essere considerate sicure o prive di rischio per il feto.

Inoltre, la presenza nella dieta della futura mamma di qualunque bevanda alcolica nuoce al feto senza differenze di tipo o gradazione: il feto non ha la capacità di metabolizzare l’alcol che perciò danneggia direttamente le cellule cerebrali e gli organi in formazione.

Danni irreversibili

Secondo le indicazioni dell’ISS è opportuno non consumare bevande alcoliche nemmeno durante l’allattamento al seno e ricorda che i danni causati dall’esposizione prenatale all’alcol sono irreversibili e non curabili.

Lo sapevi che?

L’alcol nuoce al feto sempre nei nove mesi ma soprattutto durante le prime settimane e nell’ultimo trimestre di gravidanza.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Intolleranza al latte in bimba di due anni: c’è da dubitarne!

22/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A due anni di età non è nemmeno da ipotizzare un'intolleranza al latte quindi è lecito dubitare di una simile diagnosi.   »

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti