Mangiare per due in gravidanza fa male a mamma e bebè

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 27/07/2018 Aggiornato il 12/11/2019

Non è vero che durante i nove mesi bisogna mangiare per due. Per proteggere se stesse e il bebè bisogna avere uno stile di vita adeguato. Anche a tavola

Mangiare per due in gravidanza fa male a mamma e bebè

Esagerare con i cereali contenenti glutine in gravidanza sembra aumentare il rischio di diabete nel bebè. Si tratta di un’ipotesi da confermare, ma mette in luce i rischi a lungo termine di uno squilibrio alimentare. Alcuni ricercatori danesi del Danish National Birth Cohort hanno analizzato, fra il gennaio 1996 e l’ottobre 2002, i dati della dieta di quasi 64mila donne in gravidanza in cui l’assunzione media quotidiana di glutine era di 13 grammi al giorno, con una quantità che variava da 7 a 20 grammi: i casi di diabete 1 rilevati sono stati 247, circa lo 0,37% (quasi 4 bambini su 1000).

Esclusi gli altri fattori di rischio

I ricercatori hanno escluso fattori legati alla salute e allo stile di vita della madre, che potrebbero interferire sul legame fra glutine e diabete, fra cui predisposizione genetica, età, indice di massa corporea, quantità totale di calorie giornaliere e abitudine al fumo. Hanno quindi constatato che all’aumentare dell’assunzione giornaliera di glutine (ogni 10 grammi in più) durante la gravidanza cresce proporzionalmente anche la percentuale di casi di diabete di tipo 1 dei bambini.

Rischio aumentato in proporzione

Per esempio, passare da 7 a 20 grammi di glutine al giorno farebbe quasi raddoppiare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 1 per il bambino (dato misurato tramite le diagnosi nei 15 anni successivi): in questo caso il rischio che il figlio sviluppi questa malattia salirebbe dallo 0,30% allo 0,52%, ovvero da 3 a 5 casi su 1000.

Consumo esagerato

Lo studio non rileva alcun rapporto di causa-effetto, spiegano i ricercatori, che tuttavia illustrano l’elevata qualità dell’indagine e il vasto campione preso in considerazione. Inoltre, sottolineano che una quantità di 20 grammi di glutine è eccessiva, dato che corrisponde a circa 470 grammi totali di cereali in un giorno, mentre 7 grammi di glutine corrispondono a 112 grammi totali.

Forse non sapevi che…

Il glutine è una miscela di proteine che si forma nelle farine di alcuni cereali (frumento, farro, kamut, triticale, spelta, orzo). Dal latino gluten, colla, è l’elemento che dà elasticità agli impasti: può anche essere aggiunto per arricchire di proteine alcuni alimenti.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti