Parto prematuro: fra le cause anche la dieta della mamma?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/04/2014 Aggiornato il 06/11/2019

Parto prematuro: un recente studio dimostra che ciò che la gestante mangia durante i nove mesi di gravidanza può aumentare il rischio. Ecco come

Parto prematuro: fra le cause anche la dieta della mamma?

Le cause del parto prematuro non sono ancora completamente chiare. Probabilmente entrano in gioco tanti fattori diversi, molte dei quali sconosciuti. Un ruolo importante potrebbe essere ricoperto dell’alimentazione della futura mamma. È quanto svela un recente studio condotto da un team di ricercatori svedesi, di diversi istituti, e pubblicato sul British Medical Journal (BMJ).

Sotto esame oltre 90 mila donne

Gli autori hanno esaminato i dati di un altro studio, il Norwegian Mother and Child Cohort Study, che fra il 1999 e il 2008 ha arruolato oltre 90 mila donne incinte. In particolare, si sono concentrati sui dati di 66 mila donne che hanno avuto un figlio fra il 2002 e il 2008.

Lo scopo era capire in quanti casi si fosse verificato un parto prematuro e per quali ragioni. Le donne analizzate non erano affette da diabete, avevano avuto un solo figlio e avevano compilato un questionario che riguardava l’alimentazione seguita durante i primi quattro-cinque mesi di gestazione.

Tre gruppi alimentari

Dall’analisi dei risultati è emerso che 3.505 donne del campione considerato, pari al 5,3% del totale, hanno avuto un parto prematuro. Si è visto, inoltre, che le mamme considerate avevano seguito una dieta in gravidanza molto diversa nel corso dell’attesa. Gli studiosi, in base al regime alimentare adottato, hanno diviso le gestanti in tre gruppi.

Le “prudenti” avevano consumato le quantità raccomandate dagli esperti di frutta e verdura, oli vegetali, cereali integrali, pollame, pane integrale o ricco di fibre e bevevano principalmente acqua. Il gruppo “occidentale” non aveva disdegnato snack dolci e salati, pane bianco, dessert, prodotti trasformati a base di carne.

Il modello “tradizionale”, infine, aveva previsto pasti a base di patate lesse, pesce, sughi, verdure cotte, latte a basso contenuto di grassi.

Premiata la prudenza

Secondo lo studio, il modello alimentare che si associava al minor rischio di parto prematuro, specie fra le donne al primo figlio, era quello “prudente”. Ad avere le probabilità maggiori di gravidanze “brevi”, invece, erano le donne del gruppo “occidentale”.

In breve

LA DIETA SANA PREMIA SEMPRE

Questo studio conferma che seguire una dieta sana ed equilibrata durante la gravidanza significa proteggere il bebè da una serie di rischi, incluso il parto pretermine.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pillola dimenticata: è alto il rischio di gravidanza?

01/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Se ci si dimentica di assumere il contraccettivo orale, basta prenderlo entro 12 ore dall'abituale per non correre rischi.   »

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti