Poche proteine in gravidanza aumenta il rischio tumore nei figli

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 05/03/2019 Aggiornato il 13/11/2019

Troppe non fanno bene, ma anche una scarsa assunzione può provocare problemi, soprattutto nei nove mesi. Ecco perché la carenza di proteine è da evitare

Poche proteine in gravidanza aumenta il rischio tumore nei figli

Una carenza di proteine in gravidanza e durante l’allattamento al seno può aumentare il rischio di gravi malattie nel bebè, come il tumore alla prostata. È quanto emerso da uno studio condotto in laboratorio dell’Istituto di Bioscienze dell’Università di San Paolo, in Brasile.

Squilibri ormonali alla base

Un gruppo di topolini è stato alimentato con una dieta almeno il 17% di proteine durante la gravidanza e un periodo di allattamento di 21 giorni. Nessun caso di tumore alla prostata è stato trovato in questa prole 540 giorni dopo la nascita, quando i ratti sono ormai considerati vecchi.

Il secondo gruppo è stato alimentato con una dieta proteica al 6% solo durante la gravidanza, mentre dopo il parto si è proseguito con la dieta la dieta standard. Nella valutazione effettuata 540 giorni dopo la nascita, il 33% della prole maschile aveva sviluppato un tumore alla prostata.

Il terzo gruppo è stato alimentato con la dieta a basso contenuto di proteine (solo il 6%, una quantità di gran lunga inferiore alla media di un’alimentazione normale per i ratti) durante la gravidanza e l’allattamento: il 50% della prole ha sviluppato lo stesso tumore.

Tra le ipotesi seguite dagli studiosi ci sarebbe uno squilibrio ormonale, ma sono necessari ulteriori approfondimenti.

Proteine vegetali insufficienti

In gravidanza le proteine devono essere prevalentemente d’alto valore biologico e provenire da:

  • carni;
  • pesce;
  • uova;
  • formaggi.

Le proteine vegetali (contenute in pasta, pane, legumi) non sono sufficienti, infatti, a coprire il fabbisogno d’amminoacidi essenziali.

Dal secondo trimestre, il fabbisogno proteico aumenta gradatamente da 1 grammo g a 1,5/2 grammi al giorno per chilo di peso. Le proteine sono fondamentali ai fini plastici, cioè di costruzione dei tessuti: con l’avanzare della gravidanza devono pertanto aumentare, visto che si sta “costruendo” un nuovo organismo.

Da sapere!

Le carenze vanno evitate, ma anche un eccesso di proteine può essere dannoso con un aumento alcuni tipi di cancro, essendo un fattore di progressione delle cellule cancerogene.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus: è pericoloso per la fertilità maschile?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Mario Mancini

Non c'è alcuna evidenza scientifica a supporto dell'ipotesi che il SARS-CoV-2 causi infertilità nell'uomo: si tratta dunque di una bufala.   »

Va bene questo valore delle beta?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In sesta settimana, un valore dell'ormone beta-hCG superiore a 10.000 esprime che la gravidanza è in evoluzione, quindi è un ottimo segno.   »

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti