Sindrome feto-alcolica: niente alcol in gravidanza!!!

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 22/01/2019 Aggiornato il 13/11/2019

In gravidanza è vietato bere alcol. Il rischio è elevato: la sindrome feto-alcolica che può colpire il bebè mette in pericolo il suo futuro

Sindrome feto-alcolica: niente alcol in gravidanza!!!

Da una ricerca recente è risultato che ogni anno 25mila neonati solo in Italia nascono con la sindrome feto-alcolica, con gravi conseguenze durante lo sviluppo. Solo nella Regione Lazio, per esempio, sono nati con la sindrome 47 bambini su 1000.

Nel mondo questo dato è ancora più preoccupante: si stima che ne siano stati colpiti 70 milioni di bambini nel grembo della madre. Secondo quanto riportato dal The Lancet Global Healt, nel 2017 nel mondo si registrano 119mila casi concentrati in Europa e Sudafrica.

Una malattia gravissima

La sindrome feto-alcolica, nota anche come Fas (Fetal alcohol syndrom, o sindrome alcolica fetale, è oggi considerata una delle patologie del feto più gravi causate dal consumo di alcol in gravidanza. Tuttavia, la patologia è ancora poco conosciuta e spesso non individuata in tempo.

L’Associazione Italiana Disordini da Esposizione Fetale ad Alcol e/o Droghe lancia l’allarme: è fondamentale conoscere le possibili conseguenze dell’assunzione di alcol in gravidanza. In Italia pare che 1 madre su 67 abbia questa terribile abitudine di consumare alcolici nei nove mesi.

Tante conseguenze

Il feto non è in grado di metabolizzare l’alcol. Come conseguenza, la sostanza alcolica causa patologie congenite molto gravi che si possono sviluppare nel corso della vita. La sindrome feto-alcolica può causare:

  • malformazioni gravi;
  • deficit di attenzione e di apprendimento;
  • iperattività;
  • problemi comportamentali (fino a malattie mentali con gravi conseguenze a lungo termine).

Fattori di rischio

La prevalenza della sindrome feto-alcolica aumenta in maniera direttamente proporzionale alla quantità di alcol assunta in gravidanza, come dimostrato da diversi studi.

Non tutte le esposizioni all’alcol nel grembo materno comportano danni gravi alla salute del nascituro: il rischio di partorire un bambino con sintomi della sindrome fetale alcolica (Fas) è stimato attorno al 30-40% delle gestanti con un forte consumo di alcol in gravidanza.

Non è nota la ragione della diversa suscettibilità dei bambini agli effetti dell’alcol, ma è ragionevole pensare che la diversa risposta del feto sia dovuta alla combinazione di vari fattori come:

  • abuso di alcol;
  • fattori genetici;
  • deficit nutrizionali;
  • fumo;
  • abuso di droghe.

Forse non sapevi che…

Riconoscere la sindrome feto-alcolica non è semplice, spesso è scambiata per patologie psichiatriche.

Fonti / Bibliografia

  • Unreliable estimation of prevalence of fetal alcohol syndrome - The Lancet Global HealthSvetlana Popova and colleagues (March, 2017)1 sought to estimate the global, regional, and national prevalence of alcohol use during pregnancy and fetal alcohol syndrome (FAS). The authors reviewed international literature from 1984 for country-specific quantitative studies and for countries with one or no studies they predicted gestational alcohol use prevalence by fractional response regression modelling and prevalence of FAS by an estimated quotient for the average number of women consuming alcohol during pregnancy per one case of FAS.
  • HomeAssociazione Italiana Disordini da Esposizione Fetale ad Alcol e/o Droghe, A.I.D.E.F.A.D. - APS
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus: è pericoloso per la fertilità maschile?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Mario Mancini

Non c'è alcuna evidenza scientifica a supporto dell'ipotesi che il SARS-CoV-2 causi infertilità nell'uomo: si tratta dunque di una bufala.   »

Va bene questo valore delle beta?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In sesta settimana, un valore dell'ormone beta-hCG superiore a 10.000 esprime che la gravidanza è in evoluzione, quindi è un ottimo segno.   »

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti