Uova crude sdoganate in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/09/2016 Aggiornato il 08/11/2019

Dopo 15 anni crema e maionese tornano nel menu delle donne incinte inglesi. Le autorità governative confermano la maggiore sicurezza delle uova crude contro il rischio di salmonella

Uova crude sdoganate in gravidanza

I primi dubbi che assillano le donne all’inizio della gravidanza riguardano proprio l’alimentazione: che cosa posso mangiare? Quali sono gli alimenti che danno nutrimento al feto e quelli assolutamente da evitare? Ebbene, le uova crude, un tabù per le donne incinte, non rappresenterebbero più un rischio per la gravidanza. Almeno in Gran Bretagna.

Rischio salmonella

ll problema riguarda non solo le uova di per sé,  ma anche la maionese e la  crema fatta con le uova crude, alimenti certamente golosi ma  da sempre considerati a rischio perché possibile causa di salmonellosi.

Via libera a quelle certificate

Dalla Gran Bretagna arriva ora il semaforo verde alle uova crude anche in gravidanza, purché certificate. Dopo 15 anni, infatti, l’autorità governativa della sicurezza alimentare, la Food Standards Agency, ha deciso di rivedere le norme restrittive che bandivano le uova crude per le categorie a rischio, come le donne in gravidanza.

Attenzione all’igiene e alla sicurezza alimentare

Particolarmente garantite dal batterio della salmonella sono le uova britanniche con il bollino Red lion, un marchio di qualità della sicurezza alimentare. Secondo la Food Standards Agency, ciò è stato possibile grazie alle vaccinazioni delle galline contro i due principali tipi di salmonella, al mantenimento delle uova a temperature refrigerate durante il trasporto dalle aziende agricole ai punti vendita, ai controlli delle autorità garanti e a una maggiore attenzione all’igiene negli allevamenti stessi. L’Agenzia puntualizza che “le uova prodotte in regimi diversi dall’Uk lion code (e dai suoi equivalenti) o le uova di specie diverse dalle galline (quaglia, anatra) comportano un rischio più elevato di contaminazione da salmonella e non dovrebbero essere utilizzate per cibi crudi o poco cotti”.

In breve

CHE COS’È IL LION CODE

Il “Lion code” è un codice di condotta in materia di igiene, benessere degli animali e sicurezza nel trasporto, vaccinazione contro la salmonella e test di controllo. Il 90% delle uova britanniche porta il marchio “Lion code”.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti