Congedo parentale: le novità del Jobs Act

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/04/2015 Aggiornato il 11/01/2016

Il Jobs Act ha introdotto importanti novità in merito al congedo parentale, come l’aumento del tempo di fruibilità. Ma non solo. Ecco che cosa cambia

Congedo parentale: le novità del Jobs Act

Quando la data del parto si avvicina, è normale che i genitori si informino sui diritti di cui possono godere dopo la nascita del bebè. Proprio in merito al congedo parentale, il recente decreto sulla conciliazione dei tempi lavoro-famiglia contenuto nel Jobs Act, ha introdotto importanti novità, che però saranno valide solo per il 2015, in via sperimentale. Vediamo le principali.

Di che cosa si tratta

Ricordiamo che il congedo parentale è un periodo di astensione facoltativa dal lavoro per un totale complessivo di sei mesi, che possono essere goduti tutti insieme o frazionati, subito dopo la nascita del piccolo o quando si ammala. I genitori hanno anche la possibilità di usufruire entrambi del congedo.

Fino ai 12 anni del bambino

Dopo l’approvazione del Jobs Act, cambiano innanzitutto i tempi di fruibilità. Il limite massimo entro cui è possibile godere del congedo parentale, infatti, è stato esteso dagli otto anni di vita del bambino ai 12. Anche la soglia entro cui richiedere il prolungamento del congedo in caso di figli con handicap passa dagli otto anni del bambino ai 12 anni. 

Stipendio al 30% fino ai sei anni di età

Modificata anche la retribuzione. Durante i periodi di congedo facoltativo dal lavoro, la mamma e/o il papà percepiscono sempre il 30% della loro retribuzione (a carico degli enti previdenziali), ma non più fino ai tre anni del bambino bensì fino ai sei anni.

Congedo anche a ore

Grazie alle novità introdotte, ciascun genitore può sempre scegliere di prendere il congedo parentale a ore  piuttosto che su base giornaliera. Non solo. È anche possibile chiedere, in alternativa al congedo parentale, il part-time per un periodo analogo. Al termine, l’orario di lavoro ritorna alla normalità. Mamma e/o papà non sono più obbligati a dare un preavviso di almeno quindici giorni rispetto alla data in cui vogliono iniziare l’astensione: possono chiederlo fino a cinque giorni prima. Il limite si abbassa a due giorni nel caso di astensione su base oraria. 

Se il parto avviene in anticipo

Inoltre, se il parto avviene in anticipo rispetto alla data presunta, i giorni del congedo di maternità non goduti prima della nascita del bebè si aggiungono al periodo di congedo post parto, anche quando la somma dei due periodi superi il limite complessivo dei cinque mesi.

LEGGI QUI I DIRITTI DEL PAPA’

 

 

In breve

NOVITA’ ANCHE PER IL CONGEDO OBBLIGATORIO

Il Jobs Act ha introdotto importanti novità non solo per il congedo parentale, ma anche per quello obbligatorio. In particolare, stabilisce che in caso di ricovero del neonato in una struttura pubblica o privata, la madre ha diritto di chiedere la sospensione del congedo di maternità e di godere del congedo, in tutto o in parte, dalla data di dimissione del bambino.  

 

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Dolicocefalia in bimbo di tre mesi: quali conseguenze?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Questo tipo di malformazione cranica comporta un problema quasi esclusivamente di natura estetica.   »

Fai la tua domanda agli specialisti