Perdite bianche nei primi mesi di gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/09/2018 Aggiornato il 06/02/2020

La leucorrea è molto frequente durante tutta la gravidanza, soprattutto nel primo trimestre e dal quinto mese. Talvolta, però, bisogna rivolgersi subito al ginecologo

Nausea e vomito in gravidanza, buon segno: cosa fare e cosa mangiare

Cosa sono le perdite bianche?

Le perdite vaginali bianche (dette in termini medici leucorrea) si manifestano in quasi tutte le donne durante tutto il periodo della gravidanza e talvolta sono così abbondanti da richiedere l’uso di assorbenti igienici.

Nel corso dei nove mesi, infatti, per effetto del maggiore afflusso di sangue ai genitali e della congestione della mucosa vaginale, si verifica la formazione di un fluido lattiginoso bianco, piuttosto denso, inodore, qualche volta talmente abbondante che, in certi casi, viene scambiato addirittura per una rottura precoce delle acque. Si tratta di un fenomeno normale, che di norma non deve assolutamente preoccupare.

Solo raramente possono essere il sintomo di un’infezione: le perdite devono far sospettare un’infezione vaginale quando sono persistentemente abbondanti, hanno un colore giallognolo, emanano un odore sgradevole, causano arrossamento e sono accompagnate da bruciore e prurito.

Quando andare dal medico?

Qualche volta accade che le perdite vaginali si presentino  particolarmente abbondanti e diano disturbi come bruciore, arrossamenti, prurito o abbiano un cattivo odore: questi segnali possono indicare la presenza di una vaginite (infezione ai genitali interni).

Alla base di questo problema possono esserci diversi fattori, ma i più comuni sono funghi, come, per esempio, la Candida albicans, e batteri, come la Gardnerella. Nel primo caso si parla di vaginite da candida, nel secondo di vaginosi batterica: sono i due tipi di infezione più diffusi.

In presenza di questi disturbi il ginecologo oltre a indicare la cura per stare meglio, può consigliare alla donna l’esecuzione di un tampone vaginale, un esame che consiste nel mettere in coltura un po’ di secrezione prelevata dalla vagina, al fine di individuare il germe responsabile dell’infezione e indicare la cura più adeguata.

Ci sono poi altri tipi di perdite che potrebbero essere la spia di un problema importante (come una dilatazione precoce del collo dell’utero o una fuoriuscita di liquido amniotico) e che vanno sottoposte immediatamente all’attenzione del ginecologo.

Vaginite da Candida

 La vaginite da Candida è la più frequente durante la gestazione, perché la situazione ormonale gravidica, cioè i livelli elevati di progesterone, determinano un ambiente che favorisce la crescita di questo fungo.

Questo tipo di vaginite può comparire anche più volte nella stessa gestazione: non è nociva né per l’andamento della gravidanza né per la salute della mamma e del bambino, ma è molto fastidiosa. Le perdite sono dense, simile a latte cagliato.

Vaginosi batterica

L’altro tipo di infezione è causato dal fatto che durante i nove mesi viene alterato il normale equilibrio della flora batterica vaginale a causa della presenza di alcuni batteri. Questo disturbo provoca perdite dense molto abbondanti e maleodoranti, pur non causando bruciore né prurito.

La vaginosi batterica, che può comparire in qualsiasi epoca gestazionale, va tenuta sotto controllo perché può essere associata a un alto rischio di parto prematuro.

Dilatazione precoce del collo dell’utero

Un forte campanello d’allarme deve essere considerata la presenza di perdite di muco, simile a quello prodotto nel corso dell’ovulazione, ma molto più denso. Infatti, questo tipo di perdita può associarsi a una dilatazione del collo dell’utero.

Se compare verso la fine della gravidanza questo fenomeno è da considerarsi normale: si tratta di perdite di tappo mucoso, che compaiono proprio nei giorni che precedono il parto e sono legate alle normali modificazioni del collo dell’utero, che si prepara alla nascita del bimbo.

Se, invece, queste perdite di muco compaiono per esempio nel secondo trimestre di gravidanza, quando l’utero al contrario deve essere ben chiuso, possono essere indice di una dilatazione del collo dell’utero precoce, che potrebbe compromettere l’andamento della gravidanza: per questo motivo vanno tenute sotto controllo e segnalate subito al ginecologo.

Fuoriuscita di liquido amniotico

Se, infine, le perdite si presentano molto liquide e abbondanti e la futura mamma è al termine della gravidanza, bisogna fare attenzione: potrebbe trattarsi di liquido amniotico, fuoriuscito, per esempio, a causa di una precoce rottura del sacco amniotico. In questo caso occorre contattare immediatamente il ginecologo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacchi della placenta: che fare?

25/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è necessario osservare il riposo assoluto, in caso di distacco placentare, mentre è consigliabile uno stile di vita senza eccessi.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti