Caviglie gonfie in gravidanza: gli esercizi per trovare sollievo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/06/2013 Aggiornato il 11/06/2013

I cambiamenti ormonali dei nove mesi causano ritenzione di liquidi e quindi caviglie gonfie in gravidanza. Il mare e alcuni semplici esercizi possono, però, dare sollievo 

Caviglie gonfie in gravidanza: gli esercizi per trovare sollievo

I cambiamenti ormonali che avvengono nei nove mesi provocano un rilassamento delle pareti delle vene, con un conseguente ristagno di sangue e ritenzione di liquidi, che in gravidanza causano caviglie gonfie e sensazione di pesantezza.

Sollievo dal mare

Se ti trovi al mare, puoi trovare sollievo alle caviglie gonfie in gravidanza camminando  lungo la battigia, con l’acqua che arriva alle caviglie. Inoltre, la pratica regolare di alcuni semplici esercizi, da fare anche in spiaggia, è utile per stimolare la circolazione e alleviare il fastidio alle caviglie gonfie in gravidanza. Ecco qualche esempio.

Sedute a terra

Con le gambe unite e tese, muovere l’articolazione della caviglia destra per flettere e rialzare il piede, senza però estendere la punta delle dita. Ripetere almeno venti volte e poi eseguire l’esercizio con l’altra gamba; la sequenza dovrebbe essere ripetuta più volte nell’arco della giornata.
Sempre nella stessa posizione dell’esercizio precedente, sciogliere l’articolazione della caviglia compiendo delle rotazioni con entrambi i piedi, dieci in senso orario e dieci in senso antiorario. Occorre fare attenzione a non estendere la punta delle dita.

In piedi

Con le mani appoggiate allo schienale di una sedia o alla parte posteriore della sdraio, alzare e abbassare lentamente i talloni, senza farli mai appoggiare del tutto a terra. È importante fare forza unicamente sulla gambe, in quanto le braccia devono garantire soltanto l’equilibrio. Ripetere due serie di dieci esercizi.

In breve

CAMMINARE NELL'ACQUA FA BENE ALLA CIRCOLAZIONE

Camminare a piedi nudi nell’acqua fredda di mare è molto utile alla circolazione, come fare docce fredde. Il passaggio dal caldo al freddo produce una sorta di ginnastica vascolare, che stimola e tonifica le pareti dei vasi sanguigni.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti