Che cosa fare per l’anemia in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2013 Aggiornato il 23/01/2013

L’anemia in gravidanza dipende da una carenza di ferro perché l’organismo materno lo deve “cedere” in parte al feto 

Che cosa fare per l’anemia in gravidanza

Un disturbo del sangue

Secondo le statistiche circa il 30% delle donne in attesa di un bambino, a partire dal secondo trimestre di gravidanza, va incontro a un’anemia. Questa malattia consiste in una diminuzione sia dei globuli rossi (elementi corpuscolati del sangue) sia dell’emoglobina, la sostanza contenuta proprio nei globuli rossi che ha la funzione di trasportare l’ossigeno a tutte le cellule dell’organismo.

Da non trascurare

Di norma, l’anemia è di lieve entità e quindi non ostacola il buon andamento della gravidanza. Tuttavia è importante non trascurare questo segnale di allarme, sia perché determina una costante sensazione di spossatezza che può peggiorare la qualità della vita nella futura mamma, sia per evitare di arrivare al parto in una condizione di indebolimento organico che può rendere l’evento molto più complicato da affrontare.

Il ferro diminuisce in gravidanza

L’anemia in gravidanza può essere provocata da una carenza di ferro, la sostanza implicata nella produzione dei globuli rossi e dell’emoglobina. Nel corso della gestazione, la quantità di ferro normalmente introdotta con gli alimenti, così come quella che l’organismo tiene in deposito per far fronte alle emergenze (per esempio nel caso di emorragie), risulta spesso insufficiente a coprire il fabbisogno sia della madre sia del bambino.

Pallore e stanchezza

Le classiche spie dell’anemia sono la carnagione molto pallida della futura mamma e un senso di stanchezza e debolezza generalizzato. In questi casi, è necessario riferire i sintomi al medico curante o al ginecologo. In ogni caso l’anemia puo venire riscontrata con gli esami del sangue eseguiti di routine nel corso della gestazione.

Si cura a tavola

In gravidanza è fondamentale mangiare quotidianamente alimenti ricchi di ferro, come la carne e il pesce. In particolare sono particolarmente ricchi di questo minerale: pesce, carne, pomodoro secco, sesamo, germe di grano, soia, prezzemolo, fagioli, pistacchi, tuorlo d’uovo, ceci, fiocchi d’avena, crescione, lenticchie, fave, orzo, mandorle, fichi, spinaci, pane integrale. Un consiglio: insaporire i cibi con il limone, perché la vitamina C favorisce l’assorbimento di ferro da parte dell’organismo. Il ferro è contenuto anche nei vegetali, ma in una forma meno assimilabile dall’organismo rispetto a quello presente negli alimenti di origine animale.

A volte servono gli integratori

Se la carenza di ferro è elevata, può essere necessario assumere un integratore di ferro prescritto dal ginecologo o dal medico di base. A partire dal secondo trimestre la carenza può essere forte soprattutto nelle donne che già soffrivano di anemia prima della gravidanza, a causa delle richieste maggiori da parte del feto.

In breve

I sintomi dell'anemia

Le classiche spie dell’anemia sono la carnagione molto pallida della futura mamma e un senso di stanchezza e debolezza generalizzato. Per avere conferma di questo disturbo è necessario fare le analisi del sangue.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La mia gravidanza si è interrotta: riuscirò ad avere un bambino?

30/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per quanto strano possa sembrare, un aborto spontaneo, anche se rappresneta un evento dolorosa, comprova che la coppia riesce a concepire, quindi è fertile.   »

Sangue rosso vivo a un mese dal parto

30/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le lochiazioni non preoccupano se sono costituite da sangue, ma solo se diventano maleodoranti o troppo abbondanti.  »

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

Fai la tua domanda agli specialisti