Crampi in gravidanza: come prevenirli o farli passare in fretta

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/12/2012 Aggiornato il 06/02/2015

I crampi in gravidanza sono la conseguenza di un deficit di sali minerali e di una cattiva circolazione sanguigna

Crampi in gravidanza: come prevenirli o farli passare in fretta

 Che cosa sono e quando si manifestano

I crampi sono delle fastidiose, involontarie e improvvise contrazioni di un muscolo o di una fascia muscolare che provocano un dolore acuto e ben localizzato (simile a una forte fitta).
Di solito colpiscono gli arti inferiori (cosce, polpacci e piedi) e si manifestano con un irrigidimento improvviso della muscolatura. Tendono a sparire spontaneamente nel giro di un minuto senza causare effetti negativi sui muscoli: ciò non toglie che siano molto fastidiosi in particolare se, come avviene più di frequente, compaiono di notte durante il sonno. I crampi in gravidanza si manifestano soprattutto intorno al settimo-ottavo mese, la donna può avvertirli piuttosto spesso.
Le donne che ne soffrono possono prevenire questo fastidio camminando una quindicina di minuti prima di coricarsi e svolgere degli esercizi di stretching muscolare agli arti inferiori concentrandosi anche sulle caviglie e sulle dita dei piedi.

All’origine un deficit di sali minerali che servono allo sviluppo del feto

I crampi in gravidanza sono dovuti principalmente a una carenza di sali minerali (potassio, calcio, sodio e magnesio) tipica di questo periodo della vita della donna: queste sostanze vengono infatti utilizzate dal feto per svilupparsi.
A favorirne la comparsa contribuisce anche il rallentamento della circolazione sanguigna caratteristico dei nove mesi di attesa. In particolare, il più alto livello di progesterone (ormone della gravidanza) nel sangue della gestante, determina un generale rilassamento di organi e tessuti e una dilatazione delle vene che ostacola il flusso di sangue dal basso verso l’alto (ritorno venoso). Negli ultimi tre mesi poi, la pressione che esercita l’utero ingrossato, rende ancor più difficoltosa la circolazione aumentando ulteriormente la frequenza dei crampi in gravidanza.

Come farli cessare rapidamente

Per farli passare più in fretta e ridurre la sensazione di dolore, si possono mettere in atto alcuni semplici accorgimenti da calibrare in base alla zona colpita dal crampo:

– coscia: farsi praticare un massaggio vigoroso sulla zona sofferente con un movimento che va dal basso verso l’alto;
– polpaccio: appoggiare il piede su una superficie fredda, stringendo la caviglia con una mano e massaggiando il muscolo interessato con l’altra;
– piede: piegarlo in avanti e all’indietro e, con l’aiuto di una mano, tendere l’alluce verso il corpo. Si può, poi, applicare del calore sull’area interessata: serve per riattivare la circolazione sanguigna.

Giocare d’anticipo con i cibi giusti e l’attività fisica

Per diminuire il rischio che il disturbo compaia o, quantomeno, ridurne la frequenza, è importante innanzitutto aumentare il consumo di cibi ricchi di potassio e magnesio (come ortaggi a foglia verde, pomodori, legumi freschi, patate, banane, kiwi, frutta secca e lievito di birra), di latte e derivati e di carne e pesce.
In più, è buona regola praticare con costanza un’attività fisica in linea con le condizioni della gestante: sono consigliati il nuoto e le lunghe passeggiate (soprattutto la sera dopo cena e prima di andare a letto), che favoriscono la circolazione sanguigna oltre a mantenere tonica e attiva la muscolatura.

ELENCO DI TUTTI I disturbi in gravidanza: CLICCA QUI!

 
 
 

In breve

Si possono evitare con il movimento

Le donne in attesa, soprattutto tra il settimo e l’ottavo mese, possono soffrire di crampi agli arti inferiori che si manifestano con un improvviso e doloroso “blocco” della muscolatura. Per prevenirli alla sera prima di coricarsi la donna dovrebbe fare una passeggiata di almeno un quarto d’ora e svolgere degli esercizi specifici di stretching. A originarli è una carenza di sali minerali che vengono utilizzati dal feto. Ecco in questo articolo i consigli su come ovviare a questo fastidioso disturbo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti