Crampi in gravidanza tra i sintomi: cause e rimedi, le info?

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 02/08/2022 Aggiornato il 02/08/2022

I crampi sono un disturbo comune durante la gravidanza, a maggior ragione in estate. Ma con la giusta prevenzione, i rischi si riducono

donna in gravidanza con crampi

La gravidanza è un periodo speciale e ricco di emozioni, ma non privo di note dolenti: molte donne, nel corso dei nove mesi, accusano diversi disturbi, che rischiano di turbare un momento che dovrebbe essere di serenità e benessere. Fra questi ci sono anche i crampi, comuni soprattutto in estate, a causa della perdita di sali minerali che avviene attraverso l’abbondante sudorazione.

Quando iniziano i crampi in gravidanza?

I crampi sono contrazioni involontarie, improvvise e dolorose di un muscolo o di un fascio di muscoli, accompagnate da una fitta dolorosa molto intensa. Alla base possono esserci diversi fattori. La gravidanza rappresenta un periodo particolarmente a rischio perché può provocare difficoltà di circolazione, carenze di sali minerali e squilibri elettrolitici, tre cause molto comuni di crampi. Questo disturbo può comparire in qualsiasi epoca della gestazione, anche nelle fasi iniziali. Tuttavia, il periodo maggiormente a rischio è il terzo trimestre: a causa del pancione e dell’aumento di peso, infatti, la circolazione rallenta ulteriormente.

Perché in gravidanza è comune avere crampi notturni?

I crampi notturni, soprattutto ai polpacci e ai piedi, sono molto comuni nei nove mesi. Tutta colpa del peso e del volume del feto, che esercita una pressione sui nervi e sui vasi sanguigni che si diramano verso le gambe, e  della composizione del sangue, che varia nei nove mesi.

Il caldo favorisce ulteriormente la comparsa del disturbo perché si associa a tre cause molto comuni di crampi: i problemi di circolazione, la sudorazione eccessiva e gli squilibri di alcuni minerali nell’organismo, come il potassio, il calcio e il magnesio.

Cosa fare in caso di crampi in gravidanza?

Se si è vittime di crampi, la cosa migliore è tentare di rilassare il muscolo, massaggiandolo con movimenti dal basso verso l’alto. Si possono poi compiere manovre specifiche, a seconda della zona colpita, per esempio se il crampo colpisce il piede, provare a tirare l’alluce verso di sé e piegare contemporaneamente il piede. È importante poi agire a livello preventivo, adottando quelle buone abitudini che riducono il rischio. Ecco le principali:

  • se non ci sono controindicazioni mediche, muoversi con regolarità, regalandosi tutti i giorni una passeggiata all’aria aperta;
  • se si tende a soffrire di crampi notturni è utile camminare una quindicina di minuti prima di coricarsi e compiere esercizi di stretching muscolare, per esempio flettendo lentamente, avanti e indietro, le caviglie e le dita dei piedi;
  • bere molta acqua, specie d’estate;
  • consumare con frequenza cibi ricchi di potassio, calcio e magnesio, come le patate, le banane, il latte, lo yogurt e il kiwi;
  • evitare di stare in piedi troppo a lungo.
     

 

 
 
 

In sintesi

Perché in gravidanza vengono i crampi?

I crampi possono dipendere da vari fattori. In gravidanza sono legati soprattutto agli squilibri elettrolitici e alla ridotta circolazione venosa che si verificano nei nove mesi.

Quanto durano i crampi in gravidanza?

 In genere, i crampi durano pochi minuti al massimo. Non bisogna preoccuparsi: sono un evento normale e comune, che non espone a rischi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Assorbenti interni: li può usare una ragazzina di 11 anni?

16/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Sara De Carolis

Non ci sono controindicazioni mediche all'uso degli assorbenti interni fin dalla prima adolescenza. Va tenuto presente, però, che per applicarli correttamente la ragazzina deve imparare a conoscere bene la propria anatomia.   »

Bimbo di tre anni che dà testate e pizzicotti quando è contento

15/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Ci sono gesti che compie il bambino che è opportuno impedire: per farlo occorrono toni e atteggiamenti di affettuosa determinazione.   »

Lo zucchero è vietato in assoluto ai bambini?

14/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Alimenti e bevande contenenti lo zucchero che si usa normalmente in cucina a scopo dolcificante non sono vietati in assoluto, ma non è certo opportuno concederli ogni giorno. In un'ottica di dieta sana devono essere introdotti solo occasionalmente (e questo vale anche per gli adulti).   »

Fai la tua domanda agli specialisti