Diabete gestazionale: sotto controllo con un’app

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 04/10/2019 Aggiornato il 11/12/2019

Il diabete gestazionale deve essere prevenuto e controllato per evitare problemi alla mamma e al bebè. Ora è possibile anche con un’app. Come funziona

Diabete gestazionale: sotto controllo con un’app

È stata sviluppata dal centro di ricerca sanitaria e-Health, dall’ente scientifico australiano Csiro e da operatori sanitari del Redland Hospital di Brisbane (Australia) la nuova app per smartphone per il controllo del diabete gestazionale.

Come usare l’app

Le donne in gravidanza possono usare l’applicazione per registrare dati, come le letture del zucchero nel sangue, che vengono mandati direttamente agli operatori sanitari. L’app cattura anche informazioni sull’esercizio fisico, importante per gestire il diabete gestazionale, e misura altri fattori di rischio e mette i dati inseriti a disposizione della squadra di terapia.

Un’alterazione del metabolismo

Il diabete gestazionale consiste in un’alterazione del metabolismo del glucosio e si verifica solo in gravidanza. Si tiene sotto controllo con la dieta e in casi limitati con il ricorso all’insulina. Se non trattato, però, può causare gestosi, una condizione correlata all’aumento della pressione sanguigna e delle proteine nelle urine della madre, parto prematuro e neonati macrosomi.

Più rischi se si è in sovrappeso

Secondo un recente studio, il diabete gestazionale interessa circa il 7-10% delle future mamme, soprattutto se obese o in sovrappeso: diagnosticarlo precocemente e monitorarlo è essenziale. Il 35% delle donne che lo hanno contratto in gravidanza è a rischio di sviluppare un diabete di tipo 2 nei 5-10 anni successivi al parto.

L’importanza dell’informazione

Alla luce dell’aumento dell’incidenza del problema, è necessario incrementare la consapevolezza del legame tra iperglicemia in gravidanza e rischio per la salute futura sia della madre sia del neonato. Le donne devono essere informate sull’importanza di seguire una corretta alimentazione e svolgere regolare attività fisica, non solo per contrastare lo sviluppo futuro di diabete di tipo 2, ma anche per prevenire problemi al nascituro.

Da sapere!

Alla diagnosi di diabete gestazionale, deve essere garantita alla futura mamma la presa in carico di un team multiprofessionale e l’inserimento in un percorso assistenziale integrato.

 

 

Fonti / Bibliografia
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacchi della placenta: che fare?

25/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è necessario osservare il riposo assoluto, in caso di distacco placentare, mentre è consigliabile uno stile di vita senza eccessi.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti