Diabete in gravidanza, più casi e diversi

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 22/12/2020 Aggiornato il 22/12/2020

Secondo gli ultimi dati sembrerebbe che le donne che presentano il diabete in gravidanza siano sempre più numerose e con caratteristiche metaboliche diverse

Diabete in gravidanza, più casi e diversi

L’aumento dei casi di diabete in gravidanza è emerso da una ricerca presentata dai ricercatori della SID, Società italiana di diabetologia: salgono i casi e si modificano i risultati della curva da carico glucidico. La ricerca è stata presentata durante il congresso della Easd, European Association for the Study of Diabetes, tenutosi da poco in modalità virtuale causa Covid.

Al termine del primo trimestre di gravidanza, la donna viene sottoposta al test della curva glicemica. Questo consiste nella misurazione della glicemia a digiuno. Se i risultati sono alterati viene fatto un secondo test prima di confermare la diagnosi di diabete. E i risultati positivi per diabete sono aumentati.

Modifiche metaboliche nelle gestanti

Secondo la dottoressa Sara Parrettini, che lavora in endocrinologia e malattie metaboliche dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, negli ultimi anni si stanno modificando le caratteristiche metaboliche delle gestanti. Aumentano le donne con insulino-resistenza e i risultati della curva da carico glucidico sono diversi da quelli delle donne che sviluppavano diabete in gravidanza fino a qualche anno fa.

Ricerca italiana su oltre 600 donne con diabete gestazionale

Per approfondire questi dati i ricercatori umbri hanno studiato in una casistica di oltre 600 pazienti con diabete gestazionale gestite presso l’Azienda Ospedaliera di Perugia, le caratteristiche metaboliche delle madri, gli esiti materno-neonatali e la salute delle donne dopo il parto. In particolare sono state confrontate le caratteristiche metaboliche prima della gravidanza, i valori delle curve da carico glicemico diagnostiche, i fabbisogni di terapia nutrizionale ed insulinica, gli esiti del parto nella madre e nel neonato e la tolleranza glucidica delle donne con diagnosi di diabete gestazionale trattate nel triennio 2013-2015, rispetto a quelle gestite nel periodo 2016-2018.

Sempre più simile al diabete di tipo 2

Dal confronto dei due periodi è emersa una progressiva inversione della curva glicemica con valori diagnostici principalmente a digiuno, indicatore del cambiamento delle caratteristiche metaboliche delle donne nel corso degli anni e di un quadro di più elevata insulino-resistenza, che rende le donne con diabete gravidico sempre più simili a quelle con diabete di tipo 2. Da notare che l’aumento di casi è legato anche all’aumento dell’obesità, presente ormai spesso in età riproduttiva, che è un fattore predisponente.

Non ci sono maggiori complicanze per i neonati

La buona notizia è che non è emerso un aumento delle complicanze materne o neonatali (peso e percentile nei neonati alla nascita, macrosomia, sindrome da distress respiratorio, malformazioni maggiori), ad eccezione di un lieve incremento delle ipoglicemie neonatali transitorie alla prima ora. Merito questo di una maggior attenzione alla gestione della patologia diabetica in gravidanza.

 
 

Da sapere

CURE PERSONALIZZATE

È necessario gestire in maniera personalizzata la gravidanza complicata dal diabete e predisporre strategie di protezione per la salute futura, per ridurre il rischio di sviluppare disturbi in tempi successivi, come forme di iperglicemia post-gravidanza.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti