Diabete in gravidanza: più rischi se si aspetta un maschio

Elisa Carcano A cura di Elisa Carcano Pubblicato il 06/08/2019 Aggiornato il 09/08/2019

Non si sa ancora bene il perché, ma ormai è provato dai dati: un bimbo non ancora nato può intervenire direttamente sulle possibilità della donna di soffrire di diabete gestazionale o quello di tipo 2

Diabete in gravidanza: più rischi se si aspetta un maschio

Sono solo probabilità ma di un certo peso: una futura mamma che aspetta un maschietto corre maggiori pericoli di sviluppare il diabete gestazionale  Lo sostiene uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism e realizzato dall’Università di Toronto con una grande ricerca che ha coinvolto ben 643mila donne.

Anomalie metaboliche

Nella ricerca sono stati analizzati i tassi di casi di diabete e, oltre ad aver scoperto che le donne che aspettano un maschietto hanno maggiori probabilità di sviluppare il diabete gestazionale, gli esperti hanno anche messo in evidenza che le donne in cui si manifesta la malattia pur aspettando una femmina sono poi a più alto rischio di diagnosi di diabete di tipo 2 dopo la gravidanza. Ciò suggerisce che queste pazienti avevano anomalie metaboliche sottostanti più gravi, che le hanno rese più suscettibili al diabete gestazionale, anche senza l’effetto aggiunto di un feto di sesso maschile. Secondo gli autori  questo studio suggerisce che il bambino può aiutare a capire meglio la salute della madre e ad aiutare a prevedere i rischi di malattie future.

Il diabete gestazionale

Il diabete gestazionale colpisce tra l’1 e il 14 percento delle donne in dolce attesa e può aumentare il rischio di ipertensione, di andare incontro a un parto cesareo o pretermine, di avere complicanze durante il parto a causa di un eccessivo peso del neonato. Il diabete gestazionale si verifica quando una donna incinta ha livelli più elevati di glucosio o di zucchero nel sangue rispetto al normale. Le gestanti che soffrono di questo disturbo, ben il 9% secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie americani (Cdc), hanno poi un rischio più elevato di sviluppare il diabete di tipo 2 in futuro. Si pensa che il diabete gestazionale si verifichi a causa di una combinazione di anomalie metaboliche nella madre e di cambiamenti temporanei che avvengono durante la gravidanza. I risultati della ricerca suggeriscono che il feto di sesso maschile provoca maggiori cambiamenti metabolici rispetto a un feto di sesso femminile.

 

 

 

DA SAPERE

UN AIUTO DALLO SPORT

 Secondo una recente ricerca spagnola fare sport fa bene alla futura mamma: un moderato esercizio fisico  può ridurre fino al 30% il rischio di sviluppare il diabete mellito gestazionale.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti