Esiste una correlazione tra gestosi e carenza di vitamina D in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/07/2013 Aggiornato il 05/07/2013

La carenza di vitamina D è causa di complicazioni in gravidanza, come la gestosi, malattia che aumenta anche il rischio di distacco della placenta

 Esiste una correlazione tra gestosi e carenza di vitamina D in gravidanza

In gravidanza un’adeguata esposizione al sole è considerata dagli esperti necessaria, affinché la mamma raggiunga un livello sufficiente di vitamina D, comunemente chiamata la “vitamina del sole”, essenziale per prevenire ritardi nella crescita e anomalie scheletriche, per lo sviluppo osseo del bambino e per un adeguato peso alla nascita rispetto all’età gestazionale.

Rischio di gestosi e di complicazioni

Recenti studi hanno suggerito che le donne in gravidanza con bassi livelli di vitamina D nel sangue, hanno un maggior rischio di complicazioni, come per esempio la gestosi e una maggiore probabilità di partorire con il cesareo.

I risultati sul bambino

I ricercatori continuano con i loro studi per dimostrare quanto la vitamina D sia importante durante la gravidanza. La dottoressa Eva Morales ha valutato quali quantità di vitamina D possono giocare un ruolo nello sviluppo cognitivo del bambino, misurando la concentrazione di vitamina D nel sangue di circa 2mila donne durante il primo e terzo trimestre di gravidanza. Lo sviluppo motorio, socio-emozionale, del linguaggio e il comportamento adattivo del bambino nei primi 14 mesi di vita, è stato valutato considerando la scala Bayley. La scoperta è stata che i bambini nati da donne con livelli di vitamina D considerati ottimali (maggiori di 30 nanogrammi per millilitro), presentavano maggiori abilità mentali e psicomotorie all’età di 14 mesi.

Le conclusioni dello studio

Le conclusioni dello studio, che rappresenta una novità in campo scientifico, sono rafforzate dal fatto che tale associazione si mantiene indipendentemente dal livello di educazione e dalla classe sociale dei genitori. Tuttavia, la mancanza di dati sul quoziente d’intelligenza (QI) dei genitori, non hanno permesso di valutare se la funzione cognitiva fosse legata a sufficienti livelli di concentrazione nel sangue di vitamina D, indipendentemente dal QI di mamma e papà. Certo, queste limitazioni sono forti e sarebbe anche interessante valutare se gli effetti della vitamina D siano solo temporanei o si possano mantenere nel corso della vita. Ma per questo bisognerà attendere i futuri sviluppi della ricerca.

In breve

LA VITAMINA ATTIVATA DAL SOLE

Il sole è importante per la vita, e lo è anche per le donne in attesa: perché sole vuole dire maggiore sintesi di vitamina D, sostanza essenziale per prevenire ritardi nella crescita e anomalie scheletriche, per lo sviluppo osseo del bambino e per un adeguato peso alla nascita rispetto all’età gestazionale. Bassi livelli di tale vitamina possono essere la causa di gestosi, una malattia che può avere serie ripercussioni sulla salute della donna e del bimbo nel pancione.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti