Gravidanza: il diabete gestazionale mette a rischio il cuore

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/05/2014 Aggiornato il 06/05/2014

Malattie in gravidanza: un recente studio dimostra che le donne di mezza età che hanno sofferto di diabete gestazionale presentano un rischio più elevato di malattie cardiache 

Gravidanza: il diabete gestazionale mette a rischio il cuore

Il diabete gestazionale non rischia solo di compromettere il buon andamento della gravidanza e la salute del bebè. Potrebbe causare anche effetti a lungo termine sull’apparato cardiovascolare della donna. Lo rivela uno studio condotto da un team di ricercatori americani, del Kaiser Permanente Northern California di Oakland, pubblicato sulla rivista Journal of the American Heart Association.

Uno studio durato 20 anni

La ricerca ha interessato un gruppo di 898 donne incinte, che al momento del reclutamento avevano un’età compresa fra i 18 e i 30 anni. Tutte sono state monitorate per l’intero arco della gravidanza, per verificare l’eventuale presenza di diabete gestazionale. Gli autori le hanno seguite anche nei 20 anni successivi, sottoponendole a diversi test per la diagnosi di diabete e malattie metaboliche. Lo scopo era capire se e in quali casi comparissero problemi cardiovascolari.

Danni cardiovascolari

Dall’analisi dei risultati è emerso che solo una parte del campione analizzato aveva sofferto di diabete gestazionale durante la gravidanza. Ebbene queste donne, rispetto alle altre, presentavano un rischio maggiore di eventi cardiovascolari. In particolare la carotide, una delle arterie più grandi del corpo umano, negli anni successivi era andata incontro a un significativo ispessimento. Questo aumentava le probabilità di una comparsa precoce di arteriosclerosi e, dunque, anche di infarto. Gli studiosi hanno concluso che sebbene il diabete gestazionale si manifesti solo durante la gravidanza e, solitamente, svanisca dopo il parto causa conseguenze a lungo termine. Infatti, nelle donne aumenta il rischio di malattie cardiache nella mezza età. 

In breve

ATTENZIONE AI SINTOMI

Il diabete gestazionale causa continua stanchezza, sete persistente, minzione frequente e abbondante, pressione alta. Inoltre, provoca un ipernutrimento del feto, che, quando viene alla luce, può essere molto grosso.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti