I rimedi per far passare la nausea e il vomito in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/07/2012 Aggiornato il 10/07/2012

Nausea e vomito sono disturbi molto comuni in gravidanza. Preziosi rimedi possono aiutare a risolverli

I rimedi per far passare la nausea e il vomito in gravidanza

La nausea e il vomito in gravidanza

 

in genere non interferiscono con la gravidanza stessa e non hanno particolari ripercussioni sulla salute di mamma e bambino. Esistono però alcuni rimedi per la nausea e il vomito in gravidanza che aiutano a prevenirli. Ecco i più utili.

Fare pasti poco abbondanti ma frequenti

È bene cercare di fare pasti poco abbondanti, ma numerosi. La nausea, infatti, solitamente peggiora se lo stomaco è vuoto o se il livello degli zuccheri nel sangue è troppo basso. Ecco perché il senso di nausea è più frequente al mattino appena la futura mamma è sveglia.

Alzarsi con calma

Al mattino, al risveglio, invece di alzarsi bruscamente dal letto, è utile muoversi lentamente, sedendosi qualche momento sul bordo del letto. I movimenti bruschi, infatti, possono favorire la comparsa della nausea.

Non cucinare se dà fastidio

Cucinare può peggiorare o scatenare la nausea e il vomito. A causa dei nuovi livelli ormonali, infatti, varia anche la percezione degli odori. È bene allora cercare soluzioni alternative, almeno per i primi tempi: comprare piatti pronti, chiedere aiuto ai futuri nonni o al proprio compagno oppure affidarsi al forno a microonde, perfetto per evitare gli odori.

Sgranocchiare un cracker

È tra i più efficaci rimedi per la nausea in gravidanza. Questi alimenti secchi, infatti, assorbono gli eventuali succhi gastrici in eccesso. Il consiglio è di mangiare un paio di cracker la mattina appena sveglie, ancor prima di alzarsi dal letto. Bisogna però fare attenzione a non esagerare per non aumentare troppo di peso.

Provare lo zenzero

Lo zenzero (una radice) sembra migliorare la nausea in gravidanza, anche se non si sa esattamente il perché. In commercio esistono diversi prodotti allo zenzero (dai biscotti al tè). Questa spezia può essere utilizzata anche sbriciolata per insaporire le pietanze.

Ricorrere ai farmaci

Tra i rimedi per la nausea e il vomito in gravidanza, ci sono anche i farmaci, se la nausea è molto insistente ed è associata a frequenti crisi di vomito. I più efficaci sono quelli a base di vitamina B6 che sembrano agire sul centro del vomito, diminuendone la reattività.

Andare in ospedale

Se la nausea e il vomito sono continui, cioè presenti tutti i giorni per oltre tre mesi, la futura mamma non assimila quasi più nulla (soprattutto liquidi e minerali) e comincia a perdere peso, si parla di “iperemesi gravidica”. In questo caso può essere necessario il ricovero in ospedale per tenere sotto controllo la situazione (con esami di sangue e urine) ed eventualmente provvedere alla reintegrazione dei liquidi persi tramite flebo a base di zuccheri e sali minerali. Fortunatamente solo l’1 per cento delle donne soffre di questo problema. 

In breve

Come sconfiggere nausea e vomito

Fare pasti poco abbondanti ma frequenti, alzarsi con calma, non cucinare se dà fastidio, sgranocchiare un cracker, provare lo zenzero. Sono questi alcuni rimedi utili per sconfiggere la nausea in gravidanza. Nei casi più gravi, invece, si può ricorrere ai farmaci o andare in ospedale.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti