Identificate proteine del sangue che predicono la gestosi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/11/2013 Aggiornato il 11/11/2013

La soluzione alla gestosi potrebbe arrivare da due proteine, potenziali indicatori del pericolo di insorgenza della malattia

Identificate proteine del sangue che predicono la gestosi

La cura della gestosi potrebbe arrivare da un nuovo studio dell’Università di Manchester, pubblicato sulla rivista Molecular and Cellular Proteomics, che dimosrtra come l’indentificazione di due proteine del sangue potrebbero predire il rischio di ammalarsi di preeclampsia durante la prima gravidanza. L’indagine, infatti, ha identificato due proteine come potenziali “biomarker”, cioè indicatori del pericolo di insorgenza di preeclampsia: si tratta delle glicoproteine specifiche della gravidanza 5 e 9 (PSG5 e PSG9).  

Importante per la prima gravidanza

Mentre si sa che le donne che hanno già sofferto di gestosi risultano maggiormente a rischio nelle gravidanze successive, attualmente non esiste un modo per prevedere la vulnerabilità tra le primipare, cioè chi è al primo figlio. E ciò fa assumere allo studio un’importanza rilevante. 

Malattia da seguire con molta attenzione

L’evoluzione della gestosi nel tempo è imprevedibile. Va identificata prima possibile. Se non viene seguita attentamente, infatti, può avere conseguenze anche molto serie: distacco della placenta, insufficienza renale acuta, edema polmonare, emorragia cerebrale e convulsioni. Il distacco di placenta è associato alle gravidanze ipertese. Si tratta di patologie potenzialmente letali sia per lo sviluppo del bambino sia per la madre.

Il legame con alcune “situazioni di rischio”

Molte teorie hanno cercato di collegare la gestosi con la presenza dei alcuni fattori di rischio: lesione delle cellule endoteliali, rigetto immunitario della placenta, compromessa perfusione placentare, alterata reattività vascolare, squilibrio tra prostaciclina e trombossano, diminuita la velocità di filtrazione glomerulare con ritenzione di acqua e sale, diminuzione del volume intravascolare, aumentata irritabilità del sistema nervoso centrale, coagulazione intravascolare disseminata, allungamento del muscolo uterino (ischemia), fattori dietetici e genetici, inquinamento atmosferico e obesità. 

In breve

CHE COS’È LA PREECLAMPSIA

Questa malattia può presentarsi solo durante la gravidanza, in quanto è legata al malfunzionamento della placenta. Si può presentare dopo la 20a settimana di gestazione e si manifesta con un aumento improvviso della pressione sanguigna associato a proteinuria, cioè a una concentrazione anomala di proteine nelle urine. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti