Il diabete gestazionale aumenta di 7 volte il rischio di apnea notturna

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/10/2013 Aggiornato il 21/10/2013

Le mamme con diabete gestazionale hanno sette possibilità in più di soffrire di apnea notturna

Il diabete gestazionale aumenta di 7 volte il rischio di apnea notturna

Le future mamme con diabete gestazionale hanno sette probabilità in più di soffrire di apnea notturna. La ragione sarebbe legata al fatto che il diabete gestazionale causa innalzamenti del livello di glucosio (zucchero) nella circolazione sanguigna oltre i normali livelli.

Le apnee sono strettamente legate al diabete

Questo almeno è quanto sostiene un recente studio del Rush University Medical Center di Chicago, pubblicato sul “Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism”. I ricercatori hanno trovato un legame fra il diabete gestazionale e le apneee notturne, caratterizzate da brevi interruzioni della respirazione durante il sonno, e fattore di rischio per ictus, attacchi cardiaci e malattie cardiovascolari.  In particolare, la ricerca ha mostrato una forte associazione fra apnea ostruttiva notturna e diabete gestazionale nelle donne molto in sovrappeso e in quelle obese.

Che cos’è la sindrome delle apnee

La sindrome delle apnee nel sonno è caratterizzata da ricorrenti episodi di ostruzione delle vie respiratorie che compromettono il riposo notturno a scapito della capacità di attenzione durante la veglia. La sindrome influisce negativamente sui livelli di attenzione, ma soprattutto allunga i tempi di reazione.P resenta un’alta prevalenza nella popolazione generale ed è dalle 2 alle 3 volte più frequente nei maschi rispetto alle donne. Chi ne è affetto presenta periodiche apnee durante il sonno conseguenti a ostruzioni delle vie aeree superiori. Tali ostruzioni durano circa 10-20 secondi ma in alcuni soggetti raggiungono durate anche più elevate.

Attenzione ai primi sintomi

I primi sintomi della sindrome delle apnee nel sonno sono russamento intermittente con pause respiratorie durante il sonno e riprese del respiro talora molto rumorose. Talvolta possono presentarsi risvegli multipli con possibile fame d’aria. Caratteristica è anche la sensazione di un sonno poco ristoratore al risveglio e nicturia (la persona si alza più volte per notte per urinare). In seguito compare sonnolenza diurna che può divenire particolarmente severa.

In breve

I FATTORI DI RISCHIO PIU' COMUNI

I fattori di rischio della sindrome delle apnee nel sonno più importanti sono il sovrappeso, particolari conformazioni anatomiche del collo, della gola e malformazioni dello scheletro facciale (per esempio micrognatia, ovvero volume ridotto della mandibola, o retrognazia, posizione più arretrata della mandibola).

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti