Influenza in gravidanza: rischi per te e per il bimbo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 04/11/2019

È il male di stagione che, puntualmente in inverno mette a letto quasi tutti, anche la gestante. Come prevenire il malanno e quali farmaci è possibile assumere senza mettere a rischio lo sviluppo del bebè nel pancione

Influenza in gravidanza: rischi per te e per il bimbo

L’influenza è trasmessa da un virus. Ogni inverno ne arriva uno leggermente diverso da quelli degli anni precedenti, anche se fondamentalmente si tratta sempre dello stesso che, però, di volta in volta cambia il proprio corredo genetico.

Per questo motivo ogni anno ci si può contagiare di nuovo. La gravidanza non rende la donna più esposta del solito a contrarre l’influenza; il rischio di contagio che corre è esattamente lo stesso che avrebbe, a parità di condizioni di salute, fuori dalla gravidanza.

In gravidanza, però, non si può assolutamente vaccinarsi contro l’influenza. Per questo, per ridurre il più possibile i rischi di contagio, bisogna mettere in atto qualche comportamento preventivo per evitare di ammalarsi.

Il virus si diffonde attraverso le particelle di saliva micronizzate che si diffondono nell’aria quando si tossisce, si starnutisce, o semplicemente si parla. La futura mamma deve, quindi, evitare gli ambienti chiusi o umidi con poco ricambio d’aria, quelli affollati (come, per esempio, i cinema, i ristoranti, i mezzi pubblici nelle ore di punta), e in genere l’eccessiva vicinanza al viso delle altre persone.

Come si evolve la malattia

Anche in gravidanza i sintomi dell’influenza sono:

  • sensazione di “ossa rotte”;
  • dolori articolari;
  • mal di testa;
  • rinite (cioè raffreddore);
  • tosse;
  • catarro;
  • febbre (che può raggiungere rapidamente i 38 gradi; va ricordato che in gravidanza la temperatura corporea è di circa mezzo grado centigrado più alta del normale per l’azione dilatante sui vasi sanguigni del progesterone, un ormone la cui produzione aumenta enormemente in questo periodo).

Se non ci sono complicanze, l’influenza dura dai cinque ai sette giorni. Quando scompare, però, lascia l’organismo debilitato: richiede quindi un periodo di convalescenza di almeno altri cinque – sette giorni dopo la scomparsa della febbre, per evitare possibili ricadute o complicanze.

Le complicanze più comuni sono di origine batterica e potrebbero riguardare l’apparato respiratorio (per esempio, bronchiti), quello urinario (cistiti) o quello gastrointestinale.

Le cure richiedono l’utilizzo di antibiotici. Appena la futura mamma avverte i primi sintomi dell’influenza, e soprattutto se compare la febbre, deve chiamare il medico (quello di base, ricordandogli della gestazione in corso, oppure il ginecologo).

La febbre, infatti, va tenuta sotto controllo in gravidanza, per evitare che raggiunga valori troppo alti: di norma, non deve superare i 38,5°.

Non è pericolosa per il piccolo

I virus dell’influenza non sono pericolosi per il feto, in quanto non sono in grado di raggiungerlo grazie all’opera di barriera effettuata dalla placenta (l’organo che nutre e ossigena il bebè nei nove mesi) che, infatti, fa da filtro a numerose sostanze nocive, impedendogli di raggiungere il piccolo nel pancione.

Potenzialmente nocive per lo sviluppo del feto sono, invece, le eventuali complicanze dell’influenza che necessitano, per essere curate, dell’utilizzo di farmaci che possono disturbare il bebè. Anche la febbre che colpisce la futura mammaè un fenomeno pericoloso perché può riflettersi negativamente sul corso della gravidanza.

Quando raggiunge valori alti, infatti, può scatenare contrazioni uterine e portare a un travaglio prima del tempo. Ecco perché non deve mai superare i 38,5 gradi e deve essere tenuta a livelli ben più bassi con i farmaci.

I farmaci

Mirano ad alleviarne i sintomi, dai dolori articolari al “naso chiuso” e alla tosse e, soprattutto, ad abbassare la febbre, che in gravidanzanon dovrebbe superare mai i 38,5 gradi, e controllare che non si instaurino complicanze di origine batterica.

Contro la febbre il medico di base o il ginecologo prescrivono un farmaco a base di paracetamolo, una sostanza che non crea problemi né alla gestante né al feto. Il paracetamolo richiede due o tre ore di tempo per avere effetto, ma è efficace a lungo e, a differenza di altri febbrifughi (o antipiretici), non ha effetti sulla coagulazione del sangue.

Ha, inoltre, il vantaggio di essere anche un antiflogistico (combatte cioè le infiammazioni, come quella delle mucose nasali che è all’origine del “naso che cola”) e antidolorifico (è, quindi, efficace contro il mal di testa e i dolori articolari). Il dosaggio del paracetamolo va stabilito dal medico in base alla temperatura.

In genere, si comincia con un grammo due o tre volte al giorno nei primi giorni, riducendo man mano la dose; se la febbre si rialza, si aumenta nuovamente la quantità di farmaco. Per alleviare la tosse (sono permessi i prodotti fluidificanti del catarro, come gli sciroppi, gli aerosol e i suffumigi).

Contro il “naso chiuso” si possono usare spray e gocce nasali, purché contengano poco cortisonico e siano privi di sostanze vasocostrittrici. Si può anche assumere la vitamina C, un efficace coadiuvante naturale del sistema immunitario (cioè di difesa naturale) dell’organismo.

Occorre ricordare, comunque, che in gravidanza anche questi farmaci, che sono i classici “prodotti da banco” liberamente in vendita in farmacia, vanno indicati dal medico e assunti nelle dosi da lui consigliate.

ll riposo

In caso di influenza i medici consigliano il riposo a letto per qualche giorno. Questo suggerimento vale tanto più per la futura mamma, il cui organismo è già sottoposto a un superlavoro, e che deve assolutamente evitare che la febbre salga eccessivamente.

La gestante deve trovare a letto la posizione che l’affatica meno mettendo, per esempio, dei cuscini che reggano la schiena per respirare meglio, stando su un fianco se l’utero ingrossato grava troppo sull’addome e ostacola il ritorno venoso e facendo ogni tanto movimenti con i piedi e le gambe per facilitare la circolazione.

La futura mamma può indossare un golfino morbido o una felpa calda per coprire le spalle e il torace; quanto alle coperte, ci si regola secondo le esigenze del momento. È importante effettuare regolarmente un ricambio d’aria della stanza, che va mantenuta umida attraverso l’utilizzo di un umidificatore oppure ponendo delle bacinelle d’acqua o un asciugamano bagnato e strizzato sul calorifero.

Sia nell’umidificatore sia nelle vaschette è, poi, consigliabile versare qualche goccia di essenze (come l’eucalipto o la lavanda) o di farmaci fluidificanti, in modo da agevolare la respirazione. Quando la febbre scompare ci si può alzare dal letto e preferire la poltrona per riposare. È possibile muoversi per la casa ma bisogna aspettare ancora una settimana circa prima di uscire.

L’alimentazione

Quando si ha l’influenza, di norma, passa l’appetito. È bene, però, che la futura mamma si sforzi di mangiare, predigilendo magari i cibi che più incontrano il suo gusto.

L’importante, comunque, è che, anchese assunti in quantità ridotte, gli alimenti siano facilmente digeribili e variati in modo da mantenere completo l’apporto dei nutrienti.

È indispensabile, poi, aumentare l’apporto di liquidi, perché la febbre provoca una disidratazione, cioè una perdita di liquidi che vanno, perciò, reintegrati. In questa fase sono, quindi, da preferire le minestrine in brodo, i passati e i centrifugati di verdura, le spremute di agrumi, i succhi di frutta, il tè e le tisane e lo yogurt.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti