Le cistiti e le altre infezioni urinarie: come curarle

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/08/2012 Aggiornato il 09/08/2012

Le cistiti e le altre infezioni urinarie, piuttosto comuni in gravidanza, se trascurate, possono dare problemi. Ecco che cosa fare

Le cistiti e le altre infezioni urinarie: come curarle

Cistiti e altre infezioni delle vie urinarie sono molto comuni in gravidanza. Si definiscono basse, chiamate genericamente cistiti, quando colpiscono la vescica o l’uretra. Le infezioni urinarie alte, chiamate pielonefriti, sono più serie e coinvolgono i reni o gli ureteri (i canali attraverso i quali l’urina passa dal rene alla vescica). I microrganismi responsabili delle cistiti, se non trattati bene e per tempo, possono risalire lungo le vie urinarie e dare origine a una pielonefrite. Le infezioni delle vie urinarie, dunque, non vanno sottovalutate, perché, se trascurate, possono danneggiare i reni, organi fondamentali per il buon funzionamento dell’organismo. Le donne sono più spesso interessate: il 50% delle donne adulte (tra i 20 e i 50 anni) ha avuto qualche episodio di infezione delle vie urinarie nel corso della vita; addirittura il 20-30% sviluppa uno o più episodi ogni anno, e l’incidenza aumenta con l’età, in gravidanza e nelle donne affette da diabete.

Perché sono più frequenti durante l’attesa

Soprattutto negli ultimi mesi, la futura mamma ha più probabilità di contrarre un’infezione delle vie urinarie. Ciò è dovuto in particolare al fatto che il feto, crescendo di peso e dimensioni, provoca una compressione dell’apparato uro-genitale, causando spesso un ristagno di urina in cui proliferano colonie di batteri. Nel 15% delle gravidanze si riscontra un’infezione urinaria asintomatica, chiamata batteriuria, che a volte può progredire in infezioni più acute sintomatiche a carico della vescica, come le cistiti, e dei reni.
Mentre normalmente la sola presenza di batteri nelle urine, senza i sintomi tipici dell’infezione, non sempre viene trattata, nelle donne incinte si preferisce intervenire. Questo perché sembra che in gravidanza le infezioni urinarie siano associate al rischio di parto prematuro e di rottura prematura delle membrane amniotiche. È quindi importante contrastarle ancora prima della manifestazione dei sintomi e, a tale scopo, viene effettuato per tutta la durata della gravidanza l’esame delle urine, gratuito, se prescritto dal medico di base o da un ginecologo di struttura pubblica ed eseguito in una struttura pubblica o convenzionata.
In ogni caso, attenzione a non confondere il bruciore tipico dato dalla cistite con il prurito che può dare la candidosi, un altro disturbo delle zone intime, provocato da un fungo (la candida albicans) e assai frequente in gravidanza.

Servono gli antibiotici

Spesso l’esame delle urine è associato a un’urinocoltura che serve per individuare il tipo di batterio specifico in modo da scegliere (con l’antibiogramma) l’antibiotico più idoneo a eliminarlo e sempre seguendo le indicazioni del ginecologo e compatibilmente con lo stato di gravidanza. In alcuni casi, visto che per avere i risultati dell’urinocoltura è necessario aspettare qualche giorno, il medico, sulla base dei sintomi e della serietà dell’infezione, potrà prescrivere una cura antibiotica ad ampio spettro da iniziare subito e che verrà eventualmente modificata in base al risultato dell’esame. Una seconda urinocoltura eseguita dopo due settimane dalla fine del trattamento antibiotico, è utile per controllare la scomparsa dell’infezione e l’avvenuta guarigione. In caso di recidiva occorre, invece, ripetere la terapia.

In breve

Più a rischio gli ultimi mesi di gravidanza

Soprattutto negli ultimi mesi, la futura mamma ha più probabilità di contrarre un’infezione delle vie urinarie. Ciò è dovuto in particolare al fatto che il feto, crescendo di peso e dimensioni, provoca una compressione dell’apparato uro-genitale, causando spesso un ristagno di urina in cui proliferano colonie di batteri.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti