L’Helicobacter pylori è responsabile di molti disturbi della gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/03/2014 Aggiornato il 26/03/2014

È stata analizzata in modo approfondito la letteratura scientifica internazionale sull’eventuale associazione tra il batterio Helicobacter pylori e i disturbi della gravidanza

L’Helicobacter pylori è responsabile di molti disturbi della gravidanza

Si chiama Helicobacter pylori ed è il batterio responsabile non solo di ulcera e gastrite ma anche di altre malattie e ha un collegamento con diversi disturbi che possono emergere in gravidanza. La scoperta è frutto di uno studio condotto dall’Università di Torino e dalla professoressa Tullia Todros, direttore di Ginecologia e Ostetricia 2 universitaria dell’ospedale Sant’Anna della Città della Salute di Torino, dalla dottoressa Simona Cardaropoli e dal dottor Alessandro Rolfo, ed è stato appena pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale “World Journal of Gastroenterology”.

Allo studio un vaccino

“La progettazione di un vaccino efficace permetterebbe di evitare problemi di farmaco-resistenza e reinfezione” ammettono gli esperti, che stanno valutando la possibile correlazione tra l’infezione da Helicobacter pylori e il diabete mellito gestazionale, la colestasi gestazionale e il parto pretermine spontaneo.

Un legame tra il batterio e le malattie in gravidanza

Per la prima volta è stata analizzata in modo approfondito la letteratura scientifica internazionale sull’eventuale associazione tra questo batterio e le patologie della gravidanza. Gli studi si sono concentrati principalmente sull’anemia da carenza di ferro, le malformazioni fetali, l’aborto spontaneo e la restrizione della crescita fetale. “L’infezione da Helicobacter pylori può avere un ruolo nella patogenesi di questi disordini della gravidanza attraverso diversi meccanismi – spiegano gli studiosi -. Per esempio, questo batterio è in grado di sottrarre micronutrienti come ferro e vitamina B12, e la carenza di tali elementi può essere alla base dell’anemia sideropenica materna e di difetti del tubo neurale del feto, come la spina bifida».

Come agisce l’Helicobacter

È dimostrato che gli anticorpi specifici contro il batterio Helicobacter pylori sono in grado di cross-reagire con antigeni localizzati nel tessuto placentare e sulle cellule endoteliali. Il conseguente danno cellulare può essere alla base dell’aborto spontaneo e della restrizione di crescita fetale. Dal momento che l’infezione è probabilmente acquisita prima della gravidanza, gli esperti ritengono che i cambiamenti ormonali e immunologici che si verificano durante la gravidanza possono attivare l’infezione latente da questo batterio e questo può avere un impatto sulla salute della madre e sul suo bimbo. 

In breve

COLPEVOLE ANCHE DELLA GESTOSI?

Già un’altra ricerca scientifica aveva stabilito un legame tra la presenza dell’Helicobacter pylori e la comparsa della gestosi in gravidanza.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti