L’Helicobacter pylori è responsabile di molti disturbi della gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/03/2014 Aggiornato il 26/03/2014

È stata analizzata in modo approfondito la letteratura scientifica internazionale sull’eventuale associazione tra il batterio Helicobacter pylori e i disturbi della gravidanza

L’Helicobacter pylori è responsabile di molti disturbi della gravidanza

Si chiama Helicobacter pylori ed è il batterio responsabile non solo di ulcera e gastrite ma anche di altre malattie e ha un collegamento con diversi disturbi che possono emergere in gravidanza. La scoperta è frutto di uno studio condotto dall’Università di Torino e dalla professoressa Tullia Todros, direttore di Ginecologia e Ostetricia 2 universitaria dell’ospedale Sant’Anna della Città della Salute di Torino, dalla dottoressa Simona Cardaropoli e dal dottor Alessandro Rolfo, ed è stato appena pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale “World Journal of Gastroenterology”.

Allo studio un vaccino

“La progettazione di un vaccino efficace permetterebbe di evitare problemi di farmaco-resistenza e reinfezione” ammettono gli esperti, che stanno valutando la possibile correlazione tra l’infezione da Helicobacter pylori e il diabete mellito gestazionale, la colestasi gestazionale e il parto pretermine spontaneo.

Un legame tra il batterio e le malattie in gravidanza

Per la prima volta è stata analizzata in modo approfondito la letteratura scientifica internazionale sull’eventuale associazione tra questo batterio e le patologie della gravidanza. Gli studi si sono concentrati principalmente sull’anemia da carenza di ferro, le malformazioni fetali, l’aborto spontaneo e la restrizione della crescita fetale. “L’infezione da Helicobacter pylori può avere un ruolo nella patogenesi di questi disordini della gravidanza attraverso diversi meccanismi – spiegano gli studiosi -. Per esempio, questo batterio è in grado di sottrarre micronutrienti come ferro e vitamina B12, e la carenza di tali elementi può essere alla base dell’anemia sideropenica materna e di difetti del tubo neurale del feto, come la spina bifida».

Come agisce l’Helicobacter

È dimostrato che gli anticorpi specifici contro il batterio Helicobacter pylori sono in grado di cross-reagire con antigeni localizzati nel tessuto placentare e sulle cellule endoteliali. Il conseguente danno cellulare può essere alla base dell’aborto spontaneo e della restrizione di crescita fetale. Dal momento che l’infezione è probabilmente acquisita prima della gravidanza, gli esperti ritengono che i cambiamenti ormonali e immunologici che si verificano durante la gravidanza possono attivare l’infezione latente da questo batterio e questo può avere un impatto sulla salute della madre e sul suo bimbo. 

In breve

COLPEVOLE ANCHE DELLA GESTOSI?

Già un’altra ricerca scientifica aveva stabilito un legame tra la presenza dell’Helicobacter pylori e la comparsa della gestosi in gravidanza.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fratello e sorella (solo da parte di madre) possono avere figli sani?

22/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

I figli di consanguinei hanno un alto rischio di nascere con anomalie genetiche e disturbi del neurosviluppo. Questa è la principale ragione per la quale nelle società organizzate sono vietate le unioni tra parenti stretti.   »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti