Nausea in gravidanza? Buon segno!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/11/2016 Aggiornato il 16/11/2016

Le donne che soffrono di nausea in gravidanza avrebbero una minore probabilità di andare incontro ad aborto spontaneo. Ecco perché

Nausea in gravidanza? Buon segno!

Quando una donna scopre di aspettare un bambino, la prima speranza è che il piccolo stia bene e sia sano. La seconda, spesso, è che i nove mesi non siano funestati dai tipici sintomi, in particolare dalla nausea in gravidanza. Eppure, proprio la tanto temuta nausea in gravidanza potrebbe essere un buonissimo segno. Secondo un recente studio condotto da un team di ricercatori statunitensi, infatti, le future mamme che avvertono questo disturbo e che in passato hanno perso dei bimbi durante la gestazione avrebbero un rischio minore di subire un nuovo aborto.

L’ultima ricerca su quasi 800 donne

Lo studio che riabilita la nausea in gravidanza è stato realizzato dagli studiosi del National institutes of health di Bethesda e pubblicato sulla rivista Jama Internal Medicine. Gli autori hanno analizzato i dati di un’altra ricerca, denominata Eager, che aveva l’obiettivo di verificare se l’uso quotidiano di una bassa dose di acido acetilsalicilico da parte di donne che desiderano un figlio e che in passato avevano sperimentato uno o più aborti potesse aiutarle a non rivivere più un’esperienza tanto dolorosa. Complessivamente, durante lo studio Eager sono riuscite a rimanere incinta 797 partecipanti e, di queste, 609 hanno effettivamente avuto un bimbo. Durante la gestazione, tutte le donne sono state invitate a compilare un diario per raccontare le loro giornate e annotare i sintomi avvertiti, in particolare eventuali episodi di nausea e vomitoverificatesi nelle prime settimane dell’attesa.

Un’associazione positiva

Ebbene, analizzando tutti i dati raccolti, si è visto che il 57,3% delle partecipanti incinte era stato soggetto a nausea e il 26,6% a nausea e vomito e che il tasso di nascite era stato maggiore proprio fra le donne più colpite da nausea. Più precisamente, è emerso che chi aveva sofferto di nausea e/o vomito presentava un rischio dal 50 al 75% inferiore di andare incontro a un aborto rispetto a chi non aveva sperimentato questi disturbi.

Un meccanismo di protezione

Gli esperti hanno concluso che la nausea potrebbe costituire un meccanismo di difesa che l’organismo della mamma mette in atto per proteggere il bambino dalle tossine e dagli agenti patogeni presenti negli alimenti e nelle bevande, aumentando le chance di successo della gravidanza “È opinione comune che la nausea indichi una gravidanza sana, ma finora non c’erano molte prove affidabili a sostegno di questa ipotesi. Il nostro studio ha valutato i sintomi sperimentati dalle donne incinte fin dalle prime settimane di gravidanza, immediatamente dopo il concepimento, e conferma l’esistenza di un’associazione tra la nausea e il vomito e un minor rischio di perdita del bambino” hanno affermato gli autori.

 

 

In breve

SI’ AGLI SPUNTINI

Per combattere la nausea in gravidanza è bene fare spuntini leggeri con cracker e fette biscottate: assorbono gli eventuali succhi gastrici in eccesso, che peggiorano il problema.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi che fa … jumping

03/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non è una buona idea far saltare il bambino tenendolo sotto le ascelle: molto meglio lasciarlo libero a terra, in attesa che impari a gattonare.  »

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti