Nausea in gravidanza: sì a zenzero e bracciali

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/08/2019 Aggiornato il 21/08/2019

Circa l’80% delle donne incinte sperimenta nei primi mesi il fastidioso disturbo della nausea in gravidanza, che può presentarsi in forma più o meno grave. Ecco i rimedi che funzionano

Nausea in gravidanza: sì a zenzero e bracciali

Nelle ultime Linee guida approvate dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists, società scientifica di ostetrici e ginecologi inglesi, viene riconosciuta l’efficacia di trattamenti naturali contro la nausea in gravidanza. Oltre ai farmaci, per le forme lievi o moderate di nausea gravidica si può ricorrere allo zenzero e all’acupressione, indossando braccialetti specifici.

Dove si trova lo zenzero

Le proprietà antinausea dello zenzero, una pianta rizomatica che al suo interno contiene olio essenziale, gingeroli e shogaoli, nota per essere uno stimolante della circolazione periferica e per la sua azione antinfiammatoria e antiossidante, sono note da tempo. Lo zenzero si può assumere e sotto diverse forme, crudo, nel tè, sotto forma di frutta candita da succhiare, grattugiato fresco su tantissimi piatti e nella pasta per i biscotti. In erboristeria si possono trovare preparati per tisane a base di zenzero, camomilla e finocchio. In alcuni casi, però, la bevanda può non essere tollerata, pertanto sono indicate altre formulazioni come le barrette o i ghiaccioli, benefici anche perché il ghiaccio di per sé dà sollievo.

Anche per il mal d’auto

Per quanto riguarda l’acupressione, è possibile stimolare, comprimendoli, alcuni punti di polso e avambraccio per avere un effetto positivo sull’apparato gastroenterico. Gli appositi braccialetti antinausea si usano anche per il mal d’auto.

Colpa degli ormoni

La nausea è un disturbo dovuto principalmente alle variazioni ormonali che interessano la donna in gravidanza. In molti casi la nausea precede il vomito. Questo disturbo è noto, seppur in maniera impropria, come nausea mattutina, dal momento che si manifesta principalmente al risveglio, ma può presentarsi in qualsiasi momento della giornata. Una sua forma più grave è l’iperemesi gravidica, che può anche condurre a disidratazione e perdita di peso. Nelle forme più serie è necessario ricorrere allo specialista che prescriverà una terapia base di farmaci antiemetici o al ricovero in ospedale.

 

 

In breve

ANCHE DI ORIGINE PSICOLOGICA

La nausea in gravidanza può essere anche di natura psicologica ed essere legata a disturbi come ansia e depressione.

 

Fonti / Bibliografia
  • GuidelinesClinical guidelines for women's health care
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacchi della placenta: che fare?

25/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è necessario osservare il riposo assoluto, in caso di distacco placentare, mentre è consigliabile uno stile di vita senza eccessi.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti