Nausea in gravidanza: i rimedi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/07/2014 Aggiornato il 17/07/2014

Secondo studi americani e inglesi, la nausea interessa più di una futura mamma su due, rovinando i primi mesi di gravidanza

Nausea in gravidanza: i rimedi

La nausea in gravidanza compare generalmente al mattino, appena ci si alza dal letto, per diversi motivi: cambiamenti ormonali, maggiore predisposizione al reflusso gastroesofageo, rilassamento dei tessuti muscolari del tratto digerente, sensibilità agli odori più sviluppata. La stanchezza e lo stress aggravano il problema, così come i viaggi in auto o in nave.

Che cosa fare

Al risveglio, è consigliabile assumere cibi secchi e asciutti, a base di carboidrati, tipo fette biscottate, fiocchi di cereali, pane tostato, alzarsi lentamente dal letto e aspettare qualche secondo prima di mettersi in piedi. Nel corso della giornata, è bene fare spuntini piccoli e frequenti, optando per alimenti secchi e leggermente salati, come grissini, cracker, gallette di riso.  E poi bere spesso, a piccoli sorsi, evitando il caffè e le spremute di agrumi, che favoriscono l’acidità di stomaco.

Evitare gli odori forti

Stare lontano dalla cucina, dai detersivi, dalle profumerie, tenere le finestre aperte e azionare l’aspiratore mentre si preparano le pietanze, lavare spesso gli abiti, usare ammorbidenti per il bucato e cosmetici privi di aromi e profumi, evitare i fumatori, sono tutti accorgimenti utili. Anche fare una passeggiata di almeno 15 minuti al giorno, per stimolare la produzione di endorfine (gli ormoni del buonumore), aiuta a combattere la nausea.

I rimedi naturali

Si può ricorrere anche a fiori di Bach, agopuntura o acupressione. Esistono in commercio bracciali elastici in tessuto che agiscono senza farmaci (quindi sono adatti alla gravidanza), regolarizzando il funzionamento degli organi situati nelle regioni toracica, epigastrica e ipocondriaca.  Utili, specialmente in estate, i ghiaccioli reidratanti a base di erbe anti-nausea come limone e menta, lime e vaniglia, camomilla e arancia, zenzero, pompelmo e mandarino.

Così passa subito

E quando la nausea assale improvvisamente, ecco qualche stratagemma: masticare un pezzo di radice di zenzero, bere una camomilla, un tè al limone o un bicchiere d’acqua naturale con una fetta di limone e una foglia di menta, succhiare una caramella alla menta o annusare un fazzoletto aromatizzato all’olio essenziale di menta, respirare l’odore del cumino (una spezia orientale) dalla boccetta. 

In breve

ATTENZIONE AL COMPUTER

Anche lo sfarfallio del monitor del computer può innescare la nausea, soprattutto di mattina: in questo caso è bene ingrandire i caratteri da leggere e cambiare il colore dello sfondo, preferendo il marrone chiaro o il rosa tenue.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo nato prematuro con broncodisplasia severa: quando potrà fare a meno dell’ossigeno?

19/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Non è quasi mai possibile prevedere quando un piccolissimo con un severo problema all'apparato respiratorio potrà rinunciare al supporto dell'ossigeno.   »

Sertralina in gravidanza: meglio diminuire la dose giornaliera?

14/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In genere il dosaggio medio indicato per la sertralina è tra i 50 e i 150 mg al giorno: se si sta già assumendo una quantità minima rispetto alla posologia può non essere opportuno ridurre ulteriormente la dose, specialmente di propria iniziativa.   »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti