Nausea in gravidanza, quali sono le cause e come il cibo può aiutare

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 03/11/2020 Aggiornato il 03/11/2020

Le variazioni ormonali e lo stress emotivo nei primi mesi sono all’origine della nausea in gravidanza. È, però, possibile alleviare il disturbo con la corretta alimentazione

Nausea in gravidanza, quali sono le cause e come il cibo può aiutare

La nausea in gravidanza è un problema molto comune tra le future mamme. Secondo gli esperti, infatti, ben 8 donne su dieci ne sono soggette nei primi mesi, in forme più o meno lievi. Si va da una sopportabile sensazione di salivazione abbondante e repulsione per il cibo, a episodi di vomito così intensi da impedire di assumere perfino un po’ d’acqua. È, dunque, una condizione diffusa e qualche volta è anche un segno di buon andamento della gravidanza.

Il ruolo degli ormoni

Le ragioni della comparsa della nausea in gravidanza sono diverse e non del tutto identificate. Sicuramente svolgono un ruolo importante gli ormoni estrogeni, progesterone e gonadotropina corionica o Beta Hcg. Questi ormoni svolgono un ruolo fondamentale, perché assicurano l’impianto dell’ovocita fecondato nell’utero e ne proteggono lo sviluppo. All’interno dell’organismo della donna provocano, però, uno squilibrio che può sfociare appunto in forme di nausea più o meno intense. Il progesterone, inoltre, favorisce il rilassamento della muscolatura e può, quindi, predisporre a reflusso e ad aumento dell’acidità, che possono portare la nausea. Non meno importante è l’aspetto psicologico: per quanto una donna sia felice di aspettare un bimbo, vive un momento di passaggio impegnativo, fatto di speranze, timori e dubbi. Tutto questo ha ripercussioni sul benessere.

Attenzione ad alcuni cibi

La nausea in gravidanza può, comunque, essere tenuta sotto controllo con qualche semplice accorgimento alimentare. In primo luogo è importante ascoltare il proprio corpo, evitando di consumare quello che causa repulsione. Secondo qualcuno, infatti, la nausea è un retaggio dell’evoluzione umana e ha l’obiettivo di proteggere la donna e il bambino da alimenti potenzialmente dannosi nel primo trimestre, il periodo più delicato perché è quello durante il quale si formano gli organi vitali.
Se, quindi, non si sopporta il caffè, la menta o i cibi troppo salati ,se ne può fare a meno. In generale, vanno evitati tutti gli alimenti che impegnano a lungo la digestione, perché questo predispone a nausea e reflusso. Attenzione perciò ai cibi piccanti, anche se sembrano stuzzicare l’appetito, ai piatti elaborati e ricchi di grassi.

Privilegiare i piatti semplici

Contro la nausea in gravidanza ci si può aiutare scegliendo alimenti nutrienti, ma molto digeribili. È opportuno fare cinque piccoli pasti nel corso della giornata, piuttosto che tre abbondanti, per non sovraccaricare la digestione, garantendo al tempo stesso tutti i nutrienti. Al mattino, quando la nausea è più intensa, si dovrebbe iniziare con cracker, pane secco o fette biscottate senza aggiunta di dolce che può nauseare, accompagnati da una tazza di tè con qualche goccia di limone che è antinausea. Anche negli altri pasti si dovrebbero privilegiare i cereali come pasta, riso, polenta conditi in modo digeribile, masticando con calma ogni boccone. Le proteine si possono ottenere da pesce o pollo (anche se queste carni talvolta danno fastidio), formaggi magri, prosciutto cotto. Tra un pasto e l’altro può bere tè al limone, limonata fresca, masticare pezzetti di zenzero candito. Fare due passi dopo i pasti e bere il più possibile, infine, facilita la digestione e allevia la nausea.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Molte donne trovano beneficio nel tenere in bocca pezzetti di ghiaccio. Si possono preparare in casa, aggiungendo qualche goccia di succo di agrumi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti