Nausea in gravidanza: via libera alle medicine dolci

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/12/2013 Aggiornato il 02/12/2013

È uno dei disturbi più comuni dei nove mesi. Ma la nausea in gravidanza non è invincibile: per stare meglio si possono adottare tante piccole strategie, anche “verdi”

Nausea in gravidanza: via libera alle medicine dolci

Spesso è il primo sintomo, quello che fa sospettare alla donna di aspettare un bambino. La nausea in gravidanza, infatti, compare nel 60% delle future mamme, specialmente nel primo trimestre. Talvolta è lieve, ma in altri casi è intensa e rende tutto più faticoso. Stare meglio, però, non è impossibile. Esistono, infatti, alcuni piccoli trucchi utili. Anche la medicina dolce può essere di grande aiuto in questo senso.

I rimedi omeopatici

L’omeopatia è una grande alleata delle donne in gravidanza perché praticamente non ha controindicazioni. Tutti i rimedi consigliati vanno usati in diluizione 9CH: prendere cinque granuli prima dei tre pasti principali, facendoli sciogliere sotto la lingua. Se la nausea in gravidanza è persistente, peggiora al mattino, al pomeriggio, alla vista o al pensiero del cibo, l’alleato ideale è la Sepia. L’Ipeca è utile in caso di nausea costante, che non migliora nemmeno dopo gli episodi di vomito, mentre Pulsatilla va bene se a distanza di un paio di ore dai pasti la donna ha una sensazione di peso allo sterno, difficoltà di digestione e nausea accompagnata o meno da vomito. La Nux vomica è indicata quando la donna si sente meglio dopo aver mangiato o vomitato e avverte anche acidità gastrica, reflusso esofageo e gusto amaro in bocca. Quando alla nausea in gravidanza si accompagnano meteorismo, flatulenza e gonfiore, meglio optare per il Carbo vegetabilis.

La fitoterapia

Per quanto riguarda l’utilizzo delle erbe, per contrastare la nausea è molto utile la menta. Ottimo l’infuso al 5%, da preparare diluendo un cucchiaino di foglie e fiori di menta in 100 ml di acqua bollente. Lasciare in infusione 15 minuti, quindi bere una tazza due – tre volte al giorno. Oltretutto questo rimedio agisce anche come un blando diuretico, favorendo l’eliminazione dei liquidi in eccesso e dei gas intestinali. Anche consumare un grammo di zenzero al giorno durante i primi quattro mesi di attesa può essere un toccasana. Lo zenzero può essere aggiunto ai cibi o alle bevande. Perfetti anche i tè, le tisane e i biscotti allo zenzero.

In breve

VIA LIBERA AL LIMONE

Il limone è il rimedio naturale per eccellenza contro il senso di nausea. Si possono scegliere limonate rinfrescanti o calde, ma anche semplici bicchieri d’acqua con una spruzzatina di limone. Attenzione, però: mai berli a stomaco vuoto e velocemente.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti