Problemi di vista in gravidanza?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/01/2012 Aggiornato il 24/01/2012

I problemi di vista in gravidanza sono molto frequenti per i vari cambiamenti che si verificano nell'organismo della donna. Si risolvono al termine dell'allattamento

Problemi di vista in gravidanza?

La futura mamma può avere problemi di vista in gravidanza. In effetti, si tratta di disturbi piuttosto comuni connessi, in particolare, a variazioni ormonali: durante l’attesa, infatti, nel sangue della gestante crescono i livelli di tutti gli ormoni della gravidanza, quali estrogeni, progesterone, gonadotropina corionica umana e relaxina, utili a predisporre l’organismo a ospitare e sviluppare il feto, nonché a prepararlo al parto e all’allattamento.

Le lenti a contatto possono dare fastidio

Innanzitutto, i problemi di vista in gravidanza sono imputabili alla cornea, ovvero la membrana trasparente posta nella parte anteriore dell’occhio, perché tende a ispessirsi e a evidenziare un gonfiore che causa una “distorsione” della visione. Nello stesso tempo, si riduce la sua sensibilità: si vede in maniera meno nitida di prima, ma in realtà la vista non si è abbassata. Il rigonfiamento della cornea può provocare un’intolleranza alle lenti a contatto, con sensazioni di fastidio e di dolore. In questo caso è consigliabile ricorrere agli occhiali per tutto il periodo della gravidanza. L’azione degli ormoni, poi, si riflette anche sulla qualità della secrezione lacrimale. La cornea risulta, infatti, protetta dagli agenti esterni grazie alla presenza di un velo acquoso (film lacrimale) che la mantiene costantemente idratata. Durante i nove mesi, per effetto degli estrogeni e della gonadotropina corionica umana, questa “pellicola” però tende a rompersi piuttosto facilmente riducendo il suo effetto protettivo. Inoltre, questa maggiore fluidità del velo lacrimale fa sì che esso scorra di più provocando una lacrimazione più frequente e abbondante del solito.

Tutto si risolve dopo il parto e le poppate al seno

I problemi di vista in gravidanza sono comunque passeggeri, indipendentemente dalla preesistenza di un difetto visivo, perché appena si ristabiliscono gli equilibri ormonali precedenti la gravidanza, quindi al termine delle poppate al seno, la capacità visiva originaria viene di norma recuperata.
Può, comunque, essere utile sottoporsi a visite oculistiche, specie se la donna soffre di disturbi come l’ipertensione, il diabete o la gestosi, che tendono a favorire la comparsa di danni all’occhio, come forte miopia o problemi alla retina. Se nel corso dei nove mesi la sensazione di vederci meno bene, però, dovesse risultare molto fastidiosa, la futura mamma può farsi prescrivere lenti correttive oppure cambiare gli occhiali. 

In breve

I problemi alla vista si risolvono con la fine dell'allattamento

I problemi di vista in gravidanza sono passeggeri, indipendentemente dalla preesistenza di un difetto visivo, perché appena si ristabiliscono gli equilibri ormonali precedenti la gravidanza, quindi al termine delle poppate al seno, la capacità visiva originaria viene di norma recuperata.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti