Reflusso, stipsi e nausea: le erbe utili in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/05/2017 Aggiornato il 11/05/2017

Reflusso, stipsi e nausea sono disturbi comuni in gravidanza. Ecco come tenerli sotto controllo con efficacia con le erbe. Attenzione, però, alcuni composti vegetali non vanno presi alla leggera

Reflusso, stipsi e nausea: le erbe utili in gravidanza

Reflusso, stipsi e nausea in gravidanza si possono curare con le erbe. In caso di stitichezza vengono suggerite tisane contenenti senna e cascara, limitandone l’uso a brevi periodi, o meglio lassativi osmotici come la manna: sono costituiti da sostanze difficilmente assorbibili dall’intestino, che richiamano acqua all’interno del lume intestinale favorendo un aumento della massa liquida e, quindi, l’evacuazione.

Non arrivano alla placenta

Le mucillagini della malva o dell’altea, utili contro la stitichezza o la sindrome di colon irritabile, sono considerate tra i rimedi più sicuri, perché contengono sostanze che non vengono assorbite dall’organismo e non arrivano alla placenta. Se assunte in forma di estratto secco, possono risultare utili anche in caso di reflusso gastro-esofageo. Ma per un transitorio disturbo digestivo può servire anche la tisana di fiori di camomilla o di semi di finocchio. Gli esperti dunque confermano che reflusso, stipsi e nausea in gravidanza si possono curare con le erbe.

Zenzero multiuso

Anche gli estratti di rizoma di zenzero hanno dimostrato, in recenti studi, di possedere una significativa efficacia nel controllo nella nausea gravidica, nonché di promuovere la produzione di latte: si assumono in forma di capsule ma, nelle forme più lievi di nausea, anche solo masticare qualche fettina di zenzero fresco o grattugiato sugli alimenti o in tisana può bastare.

Non tutte vanno bene

Anche se è dimostrato che reflusso, stipsi e nausea in gravidanza si possono curare con le erbe, bisogna fare attenzione: anche i rimedi della natura possono comportare dei rischi. Per alcune piante, come l’estratto di lampone, sono a disposizione studi specifici, ma non abbastanza numerosi per classificare una pianta come sicura in gravidanza o allattamento. Per altre ci sono approfondimenti validi: la camomilla e la valeriana, per esempio, hanno dimostrato effettive attività ansiolitiche.  Per altre ancora ci sono dati contradditori: è il caso della Galega officinalis, usata per aumentare la produzione di latte. Contiene una sostanza con attività ipoglicemizzante che potrebbe interferire sul metabolismo glucidico del lattante. No categorico a iperico, ginkgo biloba e ginseng: studi sull’animale dimostrano una riduzione di peso alla nascita dei cuccioli e un aumento della durata del sanguinamento nella partoriente. Da dimenticare anche l’uva ursina, che combatte cistiti e uretriti, ma può essere rischiosa per il feto.

 

 

 
 
 

Da sapere!

 

L’assunzione di qualsiasi medicinale fitoterapico in gravidanza e allattamento deve essere sempre discussa con il medico.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La “piaghetta” del collo dell’utero ostacola il concepimento?

05/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ectropion della cervice non ostacola la possibilità di dare inizio a una gravidanza.   »

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti