Scoperta origine genetica della gestosi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/08/2013 Aggiornato il 26/08/2013

Un team di ricercatori americani ha accertato una forte componente genetica della gestosi, malattia subdola e pericolosa che colpisce il 4% delle donne in gravidanza con serie conseguenze sul feto 

Scoperta origine genetica della gestosi

In gravidanza si possono incontrare dei “pericoli” da non sottovalutare, ma da conoscere in tempo per evitare conseguenze importanti dopo. Uno di questi è la gestosi o preeclampsia. Si è molto dibattuto sulle cause di questa malattia e ora un gruppo di ricercatori americani avrebbe evidenziato una forte componente genetica della gestosi nonché la possibilità di individuare precocemente le donne maggiormente a rischio.

Una malattia genetica

Secondo gli esperti americani, dunque, la gestosi è – sì -provocata da un insieme di concause, ma esisterebbe una forte componente genetica nella sua origine. Lo studio, realizzato dalla Washington University di Saint Louis che ha preso in esame il Dna di circa 300 donne incinte, è stato pubblicato sulla rivista scientifica Plos Medicine.

Come si è svolta la ricerca

I medici americani hanno esaminato 300 donne in gravidanza, di cui 60 sane, che hanno poi sviluppato la gestosi, e 240 già sotto controllo perché affette da altri problemi di salute (come il lupus eritematosus e altre malattie autoimmuni). Tra queste ultime si sono avuti 40 casi di preeclampsia. Ebbene, l’analisi del dna delle 100 donne colpite dalla gestosi ha rivelato anomalie genetiche comuni in circa il 10-15% dei casi.

I geni responsabili

Secondo i ricercatori i geni, in cui sono stati individuati gli errori (fattore MCP e fattore H), svolgono un ruolo nella regolazione della risposta immunitaria e questo potrebbe spiegare il loro possibile collegamento con la gestosi.

Quali donne sono più a rischio

Gli scienziati, secondo i risultati ottenuti, sostengono che le donne affette da malattie autoimmuni hanno un rischio maggiore di contrarre la gestosi. E questo porta i ricercatori a evidenziare una nuova categoria di donne da tenere sotto controllo in gravidanza, oltre a quelle affette, per esempio, da ipertensione (pressione alta).

 

In breve

I CAMPANELLI D’ALLARME

La prima spia di gestosi è la pressione sanguigna che si alza all’improvviso e tende a rimanere alta. Un altro indice è rappresentato dalla presenza di proteine nelle urine (proteinuria). I rischi legati alla gestosi per il feto sono la nascita prematura e un basso peso, quando non addirittura la morte in utero.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti