Sistema immunitario: se è iperattivo può creare danni al feto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/04/2014 Aggiornato il 03/04/2014

Una eccessiva reazione del sistema immunitario nelle donne incinte può creare danni cerebrali al feto, soprattutto se di sesso maschile

Sistema immunitario: se è iperattivo può creare danni al feto

Una ricerca effettuata dalla Johns Hopkins University, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Brain, Behaviour and Immunity, lancia un allarme sulla correlazione tra sistema immunitario della madre e possibili danni al feto. Nei casi in cui, a causa di una grave infezione o di una malattia, il sistema immunitario della mamma diventi iperattivo, il feto, soprattutto se di sesso maschile, rischia maggiormente di sviluppare disturbi cerebrali anche una volta nato e da adulto.

Danni al cervello per i maschi

Lo studio, che è stato effettuato effettuato su topi da laboratorio, ha rivelato che i feti dei topi, principalmente maschi, mostravano chiari segni di danni cerebrali. La parte del cervello relativa alla memoria e alla navigazione spaziale (denominata ippocampo) è apparsa più piccola sul lungo periodo tra la prole maschile esposta al sistema immunitario iperattivo nel grembo materno. I maschi hanno rivelato anche un minor numero di cellule nervose nel cervello, oltre a possedere un tipo di cellula immunitaria che generalmente non è presente nell’organo.

All’origine dell’autismo?

I dati riscontrati durante la ricerca suggeriscono che alcune gravi malattie neurologiche, quali per esempio la schizofrenia e l’autismo, potrebbero trarre origine proprio dall’esposizione prenatale a risposte immunitarie di tipo infiammatorio. 

In breve

I RISULTATI DELLA RICERCA

La correlazione tra sistema immunitario della madre e problemi al nascituro era già stata suggerita da uno studio della Columbia University. I risultati mostrano che un’iperattività immunitaria può alterare nel feto lo sviluppo del sistema nervoso centrale facendo aumentare il rischio di autismo.


Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti